EUROPA/ITALIA - A 50 anni dall’Enciclica “Fidei donum”: una risorsa per la Chiesa missionaria

sabato, 24 settembre 2005

Roma (Agenzia Fides) - “Fidei donum” è il titolo dell’ultima enciclica di Papa Pio XII che porta la data del 21 aprile 1957. Di fronte alla situazione di estrema necessità in cui versava allora l’Africa, il Papa chiedeva ai Vescovi delle diocesi più antiche di inviare sacerdoti e laici come “dono della fede”. Da allora il concetto si è allargato per comprendere tutti i sacerdoti inviati dalle diocesi in altre diocesi di tutto il mondo, segno di cooperazione e solidarietà. Per celebrare il 50° anniversario dell’enciclica, l’Ufficio Nazionale per la Cooperazione missionaria tra le Chiese della Cei, insieme al Consiglio Missionario Nazionale e al Centro Unitario Missionario (CUM), ha avviato un programma denominato “Fidei Donum 2007”, con diversi appuntamenti. Tra quelli previsti per i prossimi mesi, citiamo:
Dall’8 al 10 novembre 2005, Convegno “Dalle feconde memorie alle coraggiose prospettive” riservato ai Fidei Donum “rientrati”. Impegnati nei diversi ambiti della pastorale ecclesiale, i Fidei Donum rientrati in Italia sono circa 700 e costituiscono un ponte naturale di scambio tra le diverse esperienze di evangelizzazione. Il convegno concentrerà l’attenzione sulla vita pastorale, alla ricerca di un migliore ritorno nelle nostre Chiese di quanto maturato con la cooperazione missionaria.
Dal 30 gennaio al 3 febbraio 2006 a Salvador Bahia (Brasile), incontro dei missionari italiani in America Latina: un convegno per rileggere l’esperienza dei Fidei Donum sia dal punto di vista delle diocesi che hanno accolto sia da quello delle diocesi che hanno inviato.
Dal 13 al 15 febbraio 2006 al CUM di Verona, Convegno dei Direttori Diocesani della Pastorale missionaria per il rilancio dell’esperienza dei Fidei Donum nelle diocesi italiane. (S.L.) (Agenzia Fides 24/9/2005, righe 20, parole 267)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network