AFRICA/EGITTO - 4mila copti egiziani in pellegrinaggio a Gerusalemme per la Pasqua

mercoledì, 27 aprile 2022 chiese orientali   gerusalemme   luoghi santi   pasqua   pellegrinaggi   geopolitica  

CoptsUnited

Il Cairo (Agenzia Fides) – Sono più di 4mila i cristiani copti egiziani che quest’anno hanno compiuto o stanno compiendo il pellegrinaggio a Gerusalemme e in Terra Santa in occasione della Pasqua, per celebrare riti e liturgie nei luoghi legati alla passione, alla morte e alla resurrezione di Gesù. Il dato, fornito dalla rete di 27 compagnie turistiche operanti nel settore dei pellegrinaggi in Terra Santa, acquista rilievo se si considera il blocco forzato dei pellegrinaggi e dei viaggi registrato negli ultimi due anni a causa della pandemia, e se si tiene conto anche dei divieti che in passato hanno impedito per decenni ai cristiani copti egiziani di visitare la Città Santa, effetto collaterale del conflitto arabo-israeliano.
I tour operator egiziani sono tornati a organizzare pellegrinaggi cristiani attenendosi a precise norme emanate dalle autorità egiziane con l’intento di mantenere alto il livello di guardia davanti alla perdurante pandemia da Covid-19. Il viaggio a Gerusalemme e in alti luoghi della Terra Santa – comprese le città di Nazareth e Betlemme – è stato autorizzato dagli apparati egiziani solo per pellegrini con età dai 40 anni in su, che avessero ricevuto almeno due dosi di vaccino anti-Covid. Le restrizioni imposte dalle autorità sanitarie e soprattutto la generale crisi economica – rimarca il sito Copts United – hanno impedito quest’anno ai pellegrinaggi copti in Terra Santa o raggiungere cifre più ragguardevoli.
In passato (vedi Fides 13/1/2022), una vera e propria proibizione a visitare Gerusalemme era stato imposto nel 1979 a tutti i copti ortodossi dal Papa copto di allora, il Patriarca Shenuda III (1923-2012). Negli anni in cui si radicalizzava il conflitto arabo-israeliano, Papa Shenuda III aveva vietato ai fedeli della sua Chiesa di compiere pellegrinaggi nello Stato ebraico, e non aveva cambiato posizione neanche dopo la normalizzazione dei rapporti tra Egitto e Israele. Tale divieto non è stato formalmente revocato dopo la morte del Patriarca Shenuda, ma già nel 2014 il viaggio compiuto in Terra Santa da una novantina di cristiani copti in occasione della Settimana Santa aveva reso manifesta l'inattualità della disposizione disciplinare anti-pellegrinaggio, nel quadro dei rapporti esistenti tra le due nazioni confinanti. A incentivare ulteriormente i pellegrinaggi dei copti in Terra Santa ha di certo contribuito anche il viaggio compiuto nel novembre 2015 a Gerusalemme dallo stesso Patriarca Tawadros II, in occasione dei funerali dell'Arcivescovo Abraham, capo della locale comunità copta ortodossa. Poi, lo scorso 7 gennaio, in occasione delle Natale copto, Papa Tawadros ha dichiarato esplicitamente in un’intervista televisiva che i cristiani copti d’Egitto non contravvengono ad alcuna disposizione dell’autorità ecclesiastica quando si recano in pellegrinaggio a Gerusalemme. Nella stessa intervista, Papa Tawadros ha ricordato che dal XIII secolo le cronache attestano la presenza di un Vescovo copto residente nella Città Santa, facendo notare che anche la sospensione dei pellegrinaggi provenienti dall’Egitto ha contribuito a rendere più esigua la presenza dei copti in Terra Santa. Il Patriarca copto ha anche citato i ripetuti inviti a visitare Gerusalemme rivolti agli egiziani anche dal Presidente palestinese Abu Mazen durante le sue visite ufficiali in Egitto.
(GV) (Agenzia Fides 27/4/2022)


Condividi:
chiese orientali


gerusalemme


luoghi santi


pasqua


pellegrinaggi


geopolitica