ASIA/INDONESIA - Il nuovo Ministro per gli affari religiosi: cristiani e non cristiani promuovano la pace in Indonesia

mercoledì, 30 dicembre 2020 pace   società   minoranze religiose   società civile   politica   islam   cristianesimo  

Jakarta (Agenzia Fies) - "Cristiani e non cristiani sono chiamati a promuovere la pace in Indonesia": con questa esortazione, accanto ai tradizionali auguri natalizi, il neo-Ministro degli Affari religiosi, il musulmano Yaqut Cholil Qoumas, nominato il 22 dicembre, si è rivolto alla popolazione cristiana dell'arcipelago. Qoumas è presidente dell'organizzazione "Anshor e Banser", diffusa organizzazione sociale giovanile musulmana, affiliata al movimento musulmano "Nahdlatul Ulama", il più grande dell'Indonesia, con oltre 60 milioni di membri.
Il Ministro ha sottolineato che "il Natale, con il suo messaggio di speranza, gioia e felicità, accompagnerà sempre tutti per sollevare lo spirito e creare una vita di pace e armonia nella diversità dell'Indonesia".
Popolarmente chiamato Gus Yaqut, il neo Ministro ha ricordato "tutti coloro cha stanno affrontando difficoltà a causa della pandemia Covid-19, in tutto il mondo" e ha aggiunto: "Gesù è l'Emmanuele, che significa Dio-con-noi. Questo significa che anche nei momenti difficili, la presenza di Dio, che è sempre con noi, ci guida e ci aiuta".
Ha poi rimarcato: “Il nostro obiettivo è creare un mondo migliore, che sia pacifico, giusto e armonioso e un mondo libero dalla violenza, dall'oppressione e dalla guerra. Desideriamo lavorare perché gli esseri umani vivano in fratellanza, si amino e insieme compiano buone azioni per amore della felicità umana. Questi sono gli ideali essenziali che devono essere presentati nella celebrazione del Natale di Gesù Cristo” ha aggiunto.
Poiché l'Indonesia è una nazione pluralista, composta da varie etnie, religioni, lingue e culture, ha detto Gus Yaqut, “non c'è altro modo per affrontare la diversità, se non costruendo insieme il rispetto e la stima reciproca. La diversità della nazione deve essere affrontata con gratitudine, come una ricchezza e come un dono di Dio stesso", invitando tutti gli indonesiani a vivere con questo approccio il pluralismo culturale e religioso della nazione. Rivolto ai cristiani, li ha esortati ad avere "partecipazione attiva nella società", contribuendo a creare "un'atmosfera di pace e armonia continuando a sostenere il governo per lo sviluppo dell'Indonesia".
Il Ministro degli affari religiosi ha effettuato la sua prima visita alla comunità cristiana partecipando a una celebrazione di Natale presso la chiesa cristiana Immanuel nella città di Semarang, nella provincia di Java centrale, giovedì 24 dicembre. In quell'occasione ha rimarcato di volere essere "ministro degli affari religiosi per tutte le religioni, non solo per una fede". Yaqut ha trasmesso un messaggio a tutte le comunità religiose indonesiane, invitandole "a fare della religione una fonte di ispirazione, una fonte di pace e per diffondere l'amore vicendevole".
L'esordio del Ministro è stato apprezzato dai fedeli indonesiani: "Ho guardato e ascoltato il messaggio del Ministro per gli affari religiosi. Il suo discorso è ricco di messaggi evangelici ”, ha detto a Fides Yunus Eko Saputro, insegnante di religione a Semarang.
Il governo nazionale ha schierato migliaia di agenti di sicurezza in tutte le chiese del paese per Natale e lo schieramento continuerà fino a Capodanno. In alcuni luoghi, volontari cristiani e musulmani si uniscono anche alle forze di sicurezza per proteggere le chiese. Il Natale è stato celebrato in modo pacifico, e non si sono verificati attacchi terroristici contro le chiese, come avvenuto in alcuni episodi del passato.
(ES-PA) (Agenzia Fides 30/12/2020)


Condividi: