ASIA/INDIA - Chiesa indiana e altre comunità religiose unite al Papa nella preghiera per la pace in Africa

venerdì, 23 febbraio 2018 preghiera   pace   chiese locali   cristianesimo   ecumenismo   dialogo   papa francesco  

New Delhi (Agenzia Fides) – La Chiesa cattolica in India e anche fedeli di altre religioni, indù e musulmani, hanno risposto all’appello di Papa Francesco e si sono uniti al pontefice e alla Chiesa universale nel celebrare oggi, 23 febbraio, una Giornata di preghiera e digiuno per la pace, in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo (RDC) e del Sud Sudan, in Africa. Come appreso da Fides, numerose chiese e comunità religiose in tutto il paese hanno celebrato incontri di preghiera, veglie e speciali momenti di digiuno. A loro si sono uniti fedeli di altre religioni, molti di religione indù, esprimendo il medesimo anelito alla pace.
John Dayal, giornalista e intellettuale cattolico, ex presidente della “All India Catholic Union”, dichiara all’Agenzia Fides: “Un giorno di digiuno può dare grande beneficio spirituale, per interiorizzare la questione: non si può minimizzare l'importanza della pace, pensando all’Africa ma anche all’'ambiente politico in cui si trova l'India”.
Il Santo Padre ha invitato anche i membri di altre religioni a prendere parte all'iniziativa, nelle forme che ritengono più adatte (momenti di preghiera, digiuno e riflessione), sottolineando che le religioni possono contribuire notevolmente al consolidamento della pace.
Dayal prosegue: “L'India attraversa una fase sociale segnata dalla violenza. La politica è polarizzata anche con l’uso del fattore religioso. In questo contesto, il desiderio di pace e lo sforzo comune del popolo assumono un valore individuale e collettivo. Sosteniamo la chiamata del Santo Padre alla preghiera e digiuniamo in questo tempo di Quaresima”.
Il domenicano p.Francis Arackal, professore di Media e Filosofia a Delhi, si unisce alla preghiera e dice a Fides: “Il digiuno è un mezzo efficace per stabilire la pace e l’equilibrio a partire da se stessi. Così si costruisce una società pacifica. Credo che sia con questo spirito che il Papa chiede alle persone di digiunare. Senza pace, non può esserci sviluppo”.
In alcune diocesi, parrocchiani, suore e sacerdoti si sono riuniti in preghiera di Adorazione davanti al Santissimo Sacramento. Mary Ratnam, una laica cattolica dell'arcidiocesi di Vishakapatnam dell'Andhra Pradesh racconta a Fides che la sua comunità si è riunita in orazione silenziosa: “I nostri cuori e le nostre preghiere vanno in Africa e alle altre parti del mondo dove l'ostilità è in aumento e la gente soffre. Tante persone vivono nella paura e nell'incertezza o muoiono a causa della guerra. Speriamo e preghiamo che la violenza si fermi, e che regni la pace” (SD-PA) (Agenzia Fides 23/2/2018)


Condividi: