ASIA/TERRA SANTA - I Capi delle Chiese di Gerusalemme: si attacca lo “Status Quo” per colpire la presenza cristiana in Terra Santa

martedì, 5 settembre 2017 luoghi santi   medio oriente  

lpj

Gerusalemme (Agenzia Fides) - Secondo i Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme è in atto “un tentativo sistematico per minare l'integrità della Città Santa” e “per indebolire la presenza cristiana in terra Santa”. Tale progetto si manifesta chiaramente nelle “recenti violazioni dello Status Quo” dei Luoghi Santi, e anche in una proposta di legge, sottoscritta da una quarantina di membri del Parlamento israeliano, che “limiterebbe i diritti delle Chiese sulle nostre proprietà”. Sono questi i motivi contingenti che hanno spinto i massimi rappresentanti di tutte le Chiese e comunità cristiane di Gerusalemme a firmare insieme un documento congiunto in cui esprimono ferma opposizione a “qualsiasi azione” messa in atto da “qualsiasi autorità o gruppo” che abbia l'effetto di violare e minare “leggi, accordi e regolamenti che hanno disciplinato la nostra vita per secoli”. Il documento, diffuso ieri dai canali ufficiali delle Chiese, è firmato da tredici Capi di Chiese e comunità cristiane presenti a Gerusalemme. La lista dei firmatari è aperta da Teophilos III, Patriarca greco ortodosso di Gerusalemme, e comprende anche l'Arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, Amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, e padre Francesco Patton OFM, Custode di Terrasanta.
A riaccendere la preoccupazione delle Chiese cristiane intorno allo Status Quo che regola la convivenza tra comunità religiose nella Città Vecchia di Gerusalemme è stata la sentenza con cui la Corte israeliana, a inizio agosto, dopo un lungo contenzioso, ha respinto le iniziative legali con cui il Patriarcato greco ortodosso di Gerusalemme aveva tentato di far riconoscere come “illegali” e “non autorizzate” le acquisizioni di alcune sue proprietà da parte dell'organizzazione ebraica Ateret Cohanim, avvenute nel 2004. Un “caso” a cui si è aggiunta di recente la proposta di legge sulla gestione delle proprietà presentata alla Knesset, che i Capi delle Chiese considerano politicamente orientata.
I tentativi denunciati – si legge nel documento – non riguardano una sola Chiesa, ma colpiscono tutti noi e colpiscono i cristiani e tutte le persone di buona volontà di tutto il mondo. Siamo sempre stati fedeli – scrivono i Capi cristiani - alla nostra missione per garantire che Gerusalemme e i Luoghi Santi siano aperti a tutti, senza distinzione o discriminazione”. I firmatari si dichiarano anche concordi nel sostenere il ricorso presentato dal Patriarcato greco ortodosso alla Corte Suprema d'Israele contro la sentenza di agosto sulla proprietà degli immobili contesi. E fanno appello ai Capi cristiani e ai fedeli di tutto il mondo, e anche ai capi dei governi, affinché trovino sostegno diffuso e internazionale tutte le iniziative volte a assicurare il rispetto delle regole dello Status Quo nei Luoghi Santi, come contributo concreto all'affermarsi di una “pace giusta e durevole” nell'intera regione. (GV) (Agenzia Fides 5/9/2017).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network