AFRICA/NIGERIA - “Stop alla propaganda violenta che rischia di affondare il Paese”: appello dei Vescovi all’unità nazionale

martedì, 22 agosto 2017 violenza   vescovi  


Abuja (Agenzia Fides)- “Basta battere il tamburo di guerra”. È il titolo della dichiarazione firmata da Sua Ecc. Mons. Ignatius Ayau Kaigama, Arcivescovo di Jos, e da Sua Ecc. Mons. William Amove Avenya, Vescovo di Gboko, rispettivamente Presidente e Segretario della Conferenza Episcopale della Nigeria, che, a nome di tutti i Vescovi nigeriani, esprimono forte preoccupazione per lo stato della Federazione Nigeriana, attraversata da forti tensioni etniche, secessioniste e sociali a 50 anni dalla scoppio della guerra del Biafra (1967-1970).
Proprio facendo riferimento a quel conflitto, i Vescovi ammoniscono “dobbiamo imparare dalla tragica esperienza della guerra civile, con la distruzione di un gran numero di vite e di proprietà e i cui effetti si possono ancora notare ai nostri giorni” per evitare che le attuali tensioni sfocino in una nuova tragedia nazionale.
“Senza dubbio- scrivono i Vescovi- negli ultimi due anni la vita nazionale nigeriana ha visto l’aumento di agitazioni etniche e regionali che si sono aggiunte alle precedenti tensioni politiche, religiose, etniche e sociali”. Queste tensioni “ tracciano il quadro di una nazione agitata nella quale diversi componenti della popolazione si sentono esclusi o emarginati”.
Tra gli esclusi vi sono in particolare vasti strati della popolazione giovanile. “Non è un segreto per nessuno che la situazione della Nigeria non appare promettente alle giovani generazioni” afferma il documento. “Questo è causato dalla monumentale scala di avidità e di corruzione della nostra classe politica più anziana che continua a provocare rabbia e sdegno nei giovani. La democrazia viene rafforzata quando la classe politica, le elite e gli anziani raggiungono un consenso per garantire la coesione nazionale e un senso di appartenenza inclusivo di tutti”.
“Coloro che si sentono emarginati o oppressi non devono però trarre un indebito vantaggio della libertà di espressione, esprimendo dichiarazioni incendiarie che minacciano l’unità e la sopravvivenza del Paese” avvertono i Vescovi.
“Basta battere il tamburo di guerra. La guerra è un vento malato che porta a nessuno alcune beneficio. Dobbiamo impegnarci in forme più costruttive di comunicazione e di dialogo all'interno di un quadro democratico che respinga il pregiudizio, l'intolleranza o l'esibizione di un senso di superiorità sugli altri” concludono i Vescovi. (L.M.) (Agenzia Fides 22/8/2017)




Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network