AFRICA/ETIOPIA - L’atlante della salute per garantire un servizio migliore a mamme e bambini

martedì, 1 agosto 2017

CUAMM

Wolisso (Agenzia Fides) - Mappare il territorio per garantire un servizio migliore a mamme e bambini. Sfruttare al meglio le risorse disponibili è una regola sempre valida dove i mezzi scarseggiano e le necessità sono tante, studiare e applicare i metodi di intervento più efficaci può fare la differenza per la vita di tante persone. Con questo obiettivo Medici con l’Africa Cuamm e l’Università di Siena, con il sostegno del Ministero Affari Esteri italiano, hanno realizzato un progetto nei distretti rurali di Wolisso, Goro e Wonchi, in Etiopia. L’obiettivo era quello di mappare le strutture sanitarie della zona – un ospedale e 77 centri di salute –, capire quali sono le distanze che le separano e quali i tempi necessari alla popolazione residente per raggiungerli a piedi o con un mezzo di trasporto. In questo modo è stato possibile progettare una riorganizzazione delle ambulanze che rende più tempestivo il loro intervento. I risultati sono stati raccolti nel Map Atlas, un volume che è stato presentato lo scorso giugno alle autorità sanitarie locali e ai responsabili delle strutture coinvolte. “Gli atlanti per ora sono stati distribuiti ai capi delle Woreda, i distretti. Il testo è di facile comprensione e rende più immediata la conoscenza della geografia del nostro territorio di azione. È inoltre uno strumento utile a supporto di chi è nuovo del posto. Può essere utilizzato anche per ampliare la conoscenza e localizzare altri bisogni o fenomeni legati alla salute delle comunità, oltre a riportare le distanze e tempi di accesso ai centri di salute e ad altri servizi per il parto sicuro” si legge in una dichiarazione di un medico esperto di salute pubblica capo progetto a Wolisso.
(AP) (1/8/2017 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network