AMERICA/MESSICO - Soldati e marinai, eroi anonimi che danno speranza ai cittadini spaventati dalla violenza

giovedì, 1 giugno 2017 chiese locali   forze armate  

sipse.com

Città del Messico (Agenzia Fides) – “La Chiesa in Messico è consapevole del fatto che in questo momento il nostro Paese sta attraversando un periodo di crisi, dove la criminalità lacera impunemente la nazione, a causa delle organizzazioni criminali che hanno ampliato le loro reti violentando la pace, cosa che ha provocato di conseguenza la morte di numerosi soldati e marinai, ‘eroi anonimi’, che sono padri di famiglia, figli di molte madri, colleghi e amici. Ecco perché esprimiamo la nostra solidarietà alle famiglie di tutti quei marinai e soldati che hanno generosamente abbracciato questa vocazione e, nel realizzarla, hanno perso la vita a causa dell’ostinazione e dell'avidità di pochi, che si approfittano dell'ignoranza e della miseria di molti”.
Così scrivono Sua Ecc. Mons. Miguel Ángel Alba Díaz, Vescovo di La Paz, responsabile della Pastorale delle Forze Armate, e Sua Ecc. Mons. Alfonso G. Miranda Guardiola, Segretario generale della Conferenza Episcopale Messicana, Vescovo ausiliare di Monterrey, in un messaggio pubblicato in occasione della Giornata della Marina, che si celebra oggi, pervenuto all’Agenzia Fides.
“Sia i marinai che i militari, sono chiamati alla santità dalla loro vocazione – è scritto nel testo -, perché svolgono un ampio lavoro in difesa del paese, e perché la loro vocazione militare esige da loro un alto grado di responsabilità. La loro presenza in più punti della repubblica, dà tranquillità e speranza ai cittadini, spaventati dalle manifestazioni di violenza di cui molti sono stati vittime”.
Il messaggio cita Papa Francesco, che ha chiesto ai membri delle forze armate, di essere “strumenti di riconciliazione, operatori di pace e costruttori di ponti, perché con la loro collaborazione sia possibile contribuire ad un ordine fondato sulla verità, la giustizia, l'amore e la libertà”.
Assicurando la preghiera a Dio, nostro Padre amorevole, perché conceda a marinai e militari il dono della vita, e di non essere tentati di tradire la loro vocazione di servizio al Paese, alle istituzioni, ma soprattutto, ai loro fratelli, il popolo del Messico, che hanno tanto bisogno di loro, i Vescovi concludono con un appello alle autorità perché “siano ragionevoli nell'esecuzione delle loro strategie per trovare la pace, ascoltando il grido dei poveri e dei più vulnerabili”. (SL) (Agenzia Fides 1/6/2017)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network