ASIA/PAKISTAN - I cristiani celebrano il compleanno del Profeta, i musulmani il Natale

mercoledì, 21 dicembre 2016 dialogo   preghiera   islam   cristianesimo   natale  

V.S.

Lahore (Agenzia Fides) - Il dialogo e le buone relazioni islamo-cristiane si costruiscono anche con la reciproca partecipazione alle principali festività delle rispettive religioni. Accade così che i francescani di Lahore hanno festeggiato il compleanno del profeta Maometto in una celebrazione interreligiosa tenutasi a Lahore, alla presenza di leader religiosi e fedeli musulmani e, per l'occasione, i membri delle due comunità si sono scambiati gli auguri di Natale, come riferisce a Fides p. Victor Sawera OFM, organizzatore dell'evento.
“Abbiamo letto brani tratti dalla Bibbia e del Corano. Alcuni religiosi islamici hanno offerto la preghiera della sera nella cappella del centro francescano. Erano presenti diversi imam come Syed Abdul Khabir Azad, imam della Moschea reale di Lahore, che hanno apprezzato la celebrazione del compleanno del profeta in una casa cristiana: questo può essere di esempio a tutti i cittadini del Pakistan" racconta a Fides p. Sawera, rimarcando che "il dialogo interreligioso e la promozione della pace e dell'armonia sono nel DNA della spiritualità francescana e oggi sono indispensabili", ribadendo "l'urgenza di lavorare di più per la costruzione della pace e l'armonia tra le nazioni e le religioni. Per noi francescani, essere ponti di pace è una vocazione" ha concluso.
Lo stesso spirito si è respirato nella celebrazione natalizia proposta nei giorni scorsi dall’Ambasciata del Pakistan a Roma: l'ambasciatore Nadeem Riyyaz della Repubblica islamica del Pakistan in Italia ha ospitato la celebrazione cui hanno partecipato seminaristi pakistani, suore e sacerdoti che studiano a Roma, così come i membri dei consigli generali delle congregazioni religiose che hanno case o missioni in Pakistan.
Come appreso da Fides, nel corso della festa, accompagnata da canti natalizi in lingua urdu, punjabi, italiano e inglese, p. Robert McCulloch, procuratore generale della Società Missionaria di San Colombano, ha ringraziato l'ambasciatore Riyyaz per aver voluto ospitare la festa di Natale, estendendo gli auguri per la ricorrenza di Eid-e-Milad-ul-Nabi, il compleanno del Profeta Maometto. Il Natale si celebra all'Ambasciata del Pakistan in Italia per il quinto anno consecutivo: la tradizione è stata iniziata dall'ambasciatore Tehmina Janjua, attualmente in servizio diplomatico presso le Nazioni Unite a Ginevra, con l'intento di lavorare per l'armonia religiosa. Entrambi gli ambasciatori hanno ricevuto la loro formazione in scuole cattoliche in Pakistan. (PA ) (Agenzia Fides 21/12/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network