ASIA/PAKISTAN - Si dimette dalla Corte Suprema il magistrato che non ha voluto giudicare Asia Bibi

mercoledì, 26 ottobre 2016 asia bibi   blasfemia   islam   persecuzioni   minoranze religiose  

Islamabad (Agenzia Fides) - Il giudice della Corte Suprema del Pakistan Iqbal Hameedur Rehman, che il 13 ottobre scorso si è improvvisamente ritirato dal collegio che doveva esaminare il caso di Asia Bibi, causando un rinvio dell'udienza, si è ufficialmente dimesso dalla Corte Suprema. Come appreso da Fides, il giudice lo ha fatto con una lettera indirizzata a Mamnoon Hussain, il Presidente del Pakistan, senza indicare i motivi specifici delle sue dimissioni. Iqbal Hameedur Rehman era stato nominato come membro del collegio di tre giudici per ascoltare il ricorso finale di Asia Bibi, donna cristiana condannata a morte per blasfemia in primo grado e in appello.
Il magistrato aveva giustificato il suo ritiro affermando di essere stato un membro del collegio che ha giudicato il caso di Salman Taseer, ex governatore del Punjab, assassinato dalla sua guardia del corpo per il suo sostegno ad Asia Bibi.
Quando un giudice si dimette, occorre che il Presidente delle Corte Suprema nomini un altro magistrato, ma non vi è alcuna certezza sui tempi della scelta. "Restiamo fiduciosi e attendiamo che il Presidente affidi il caso di Asia Bibi a un collegio giudicante del tutto nuovo" commenta a Fides Joseph Nadeem, tutore della famiglia di Asia Bibi e presente all'udienza del 13 ottobre.
"Quello che ci ha sorpreso è stata la scarsa tempestività: il giudice Rehman avrebbe dovuto ritirarsi nei giorni precedenti, cosicchè il caso poteva essere assegnato direttamente a un altro collegio" ha rimarcato. Con la sua mossa inattesa, invece, il giudice ha costretto ad un rinvio.
Nei giorni scorsi gruppi di militanti radicali hanno organizzato manifestazioni a Karachi, Islamabad e Lahore chiedendo l'esecuzione capitale per Asia Bibi e minacciando le istituzioni pakistane di "scatenare una guerra” se Asia Bibi sarà liberata. (PA) (Agenzia Fides 26/10/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network