ASIA/INDIA - Un Pastore e due coniugi cristiani aggrediti da estremisti indù

mercoledì, 21 settembre 2016 violenza   induismo   cristianesimo   minoranze religiose   libertà religiosa  

facebook

Kharghar (Agenzia Fides) - Aggressione contro un Pastore cristiano pentecostale e due coniugi cristiani a Kharghar, nel municipio di Navi Mumbai, nello stato indiano di Maharashtra. Come appreso da Fides, il 16 settembre il Pastore Prashant Bhatnagar, Sachin Shenge e sua moglie Manisha stavano distribuendo volantini, quando alcuni uomini appartenenti al gruppo militante “Shri Ram Pratishthan” hanno iniziato a protestare contro la distribuzione di quegli opuscoli, che invitavano i passanti ad una liturgia domenicale. I tre sono stati sequestrati e condotti con la forza in un luogo isolato dove sono stati minacciati, percossi e abusati verbalmente e fisicamente. Alcuni militanti hanno anche urinato sul pastore ferito e tramortito. Rilasciati privi di sensi e condotti in ospedale, i cristiani hanno presentato denuncia alla polizia di Kharghar, per sequestro di persona e violenza.
Sajan K. George, presidente del Consiglio globale dei cristiani indiani (Gcic) ha commentato a Fides: "Condanniamo fermamente l'attacco contro i cristiani pentecostali. L'India è un Paese laico e i cristiani non stavano facendo nulla di illegale. Gli estremisti accusano falsamente i cristiani pentecostali di attività di conversione, indulgono nella violenza e seminano diffidenza e sospetto verso i cittadini cristiani, creando danno alla società indiana". (PA) (Agenzia Fides 21/9/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network