AFRICA/SUDAFRICA - Giustizia e Pace: “inaccettabile la morte di 36 pazienti psichiatrici per la riduzione delle spese cliniche”

martedì, 20 settembre 2016 sanità  

Mons. Abel Gabuza


Johannesburg (Agenzia Fides) - “È inaccettabile che 36 pazienti psichiatrici siano morti dopo pochi mesi dal trasferimento dal Life Healthcare Esidimeni Centre presso alcune organizzazioni non governative locali e in altri istituti, senza che vi sia stato alcun intervento da parte del dipartimento sanitario del Gauteng” afferma un comunicato a firma di Sua Ecc. Mons. Abel Gabuza, Vescovo di Kimberley e Presidente della Commissione Episcopale Giustizia e Pace della Southern African Catholic Bishops’ Conference.
Nell’esprimere la vicinanza della Chiesa ai familiari delle vittime, Mons. Gabuza, afferma: “mentre aspettiamo i risultati delle indagini del dipartimento della salute, vogliamo ribadire la nostra profonda preoccupazione per il fatto che questo dipartimento non ha ascoltato gli allarmi delle società civile e dei familiari per la cancellazione del contratto con l’ Esidimeni Centre e gli ammonimenti a non procedere velocemente nel trasferimento dei pazienti”.
Mons. Gabuza critica l’approccio solamente economico ai problemi della salute mentale. “Il dipartimento della saluta ha messo termine all’accordo con l’Esidimeni Centre perché costava 11.343 Rand al mese (circa 728 Euro), per un valore di quasi 324 milioni di Rand all’anno (circa 2,1 milioni di Euro)”. Una cifra esorbitante, riconosce il Vescovo, che invoca maggiori controlli sui costi del sistema sanitario, ma che non esime le autorità dal fornire adeguate cure mediche alla popolazione. “Un sistema sanitario che mette il profitto prima delle persone, e privo di adeguate misure di controllo dei costi, è insostenibile per il Paese ed è una sentenza di morte per i poveri”. “Le persone malate di mente sono preziose agli occhi di Dio e devono essere considerate molto più importanti dei dettami dell’efficienza fiscale e del profitto” conclude il Vescovo. (L.M.) (Agenzia Fides 20/9/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network