ASIA/MONGOLIA - Il Prefetto Apostolico: “Con il primo prete, la Chiesa in Mongolia è una madre che dà alla luce un figlio”

lunedì, 29 agosto 2016 sacerdoti   chiese locali   evangelizzazione   missionari  

M.P.

Dono Joseph, appena ordinato sacerdote

Ulaanbaatar (Agenzia Fides) – “Ringrazio il Signore che mi ha chiamato a servirlo attraverso il sacerdozio. Sono anche grato a tutte le persone che mi hanno aiutato a rispondere a questa chiamata. Spero che ci siano presto altre vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata tra i giovani della Mongolia": sono le parole pronunciate da padre Joseph Enkh, ancora emozionatissimo, durante la celebrazione di ordinazione sacerdotale tenutasi ieri, 28 agosto, a Ulaanbaatar (vedi Fides 26/8/2016). "E' stato un giorno indimenticabile nella storia della Chiesa cattolica in Mongolia", riferisce a Fides p. Prosper Mbumba, missionario congolese che opera nel paese asiatico, raccontando dell’atmosfera di grande gioia e di intensa preghiera vissuta dalla comunità locale. "L'ordinazione di padre Joseph Enkh ci rende più consapevoli della grazia di Dio che opera nella nostra giovane chiesa della Mongolia”, ha proseguito.
Il Vescovo Wenceslao Padilla, Prefetto Apostolico nel paese, che ha seguito con costanza la crescita spirituale del giovane Joseph e della intera Chiesa in Mongolia, rinata 24 anni fa, dice a Fides: “Avere un primo giovane mongolo ordinato al sacerdozio è per la Chiesa locale come un parto: è una giovane madre che dà alla luce il primo figlio. Preghiamo e confidiamo che padre Joseph Enkh sia fedele alla sua vocazione, prenda la sua croce giorno dopo giorno e segua sempre Cristo, in ogni circostanza della sua vita”. Nella sua omelia, il Vescovo Wenceslao Padilla si è infatti soffermato sul brano evangelico scelto da p. Enkh per l'ordinazione: "Rinnega te stesso, prendi la tua croce ogni giorno e seguimi" (Lc 9, 23). E ha ricordato che "il Signore ha reso possibile ciò che sembrava essere impossibile”, invitando l’assemblea “a continuare a confidare in Dio”.
Oltre 40 i sacerdoti concelebranti, mentre più di 1.500 persone hanno partecipato allo storico evento, tra i quali funzionari, autorità civili e diplomatici. Presente anche l'abate Dambajav, del monastero buddista di Dashi Choi Lin, che ha rivolto parole di incoraggiamento al novello sacerdote, confermando che “i buddisti hanno buoni rapporti con i cattolici. Impariamo da loro, e loro imparano da noi. Siamo felici che uno di noi mongoli sia diventato un prete in questa chiesa”. Il leader buddista ha poi posto una stola di seta blu intorno al collo del sacerdote appena ordinato, che, nella tradizione buddista, simboleggia il cielo e significa dunque purezza, buona volontà, buon auspicio e compassione: il gesto è stato applaudito da tutti i partecipanti.
Don Joseph ha celebrato oggi la sua prima Messa nella stessa Cattedrale di San Pietro e Paolo a Ulaanbaatar. (PA) (Agenzia Fides 29/8/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network