AFRICA/EGITTO - Il Sinodo copto ortodosso approva la legge sulla costruzione delle chiese. Ma rimangono dubbi e dissensi

sabato, 27 agosto 2016 chiese orientali  

CoptsToday

Il Cairo (Agenzia Fides) – La proposta di legge sulla costruzione delle chiese in Egitto, allo studio da lungo tempo, ha ottenuto nei giorni scorsi un'adesione sofferta e piena di perplessità da parte del Sinodo della Chiesa copta ortodossa. Nel contempo, in seno alle comunità cristiane egiziane continuano a serpeggiare interrogativi e malumori, tanto che gruppi di giovani cristiani stanno mobilitandosi per una raccolta di firme (vedi immagine) per chiedere che il testo della proposta di legge sia respinto e riformulato prima della sua approvazione da parte del Parlamento, prevista nei prossimi giorni. A far problema sono emendamenti aggiunti al testo nel corso della lunga e laboriosa fase istruttoria, che finiscono per complicare il quadro di riferimento legislativo e lasciano la porta aperta alle manovre di chi, nelle situazioni locali, fosse eventualmente intenzionato a mantenere lo status quo e a rendere di fatto impossibile la costruzione di nuove chiese. “La situazione è ancora controversa” riferisce all'Agenzia Fides Anba Antonios Aziz Mina, Vescovo copto cattolico di Guizeh “e l'approvazione del Parlamento non è scontata. La proposta di legge, dopo più di dieci bozze, appare piena di lacune, e entra troppo in dettagli tecnici, permettendo a chiunque di usare ancora pretesti per impedire la costruzione di nuove chiese. Ad esempio, in un articolo si dice che la larghezza dell'edificio di culto non può superare più di una volta e mezzo quella della strada adiacente più grande. Ma questa regola può andar bene nelle città, non certo nei villaggi, che magari hanno strade larghe un metro e mezzo. Anche sui necessari consensi richiesti da parte delle forze di sicurezza” aggiunge Anba Antonios “si dice che il Patriarcato copto ortodosso ha ricevuto rassicurazioni verbali che tale disposizione non verrà applicata in maniera rigida. Ma c'è chi non si fida delle di tali rassicurazioni. E anche molti musulmani stanno criticando la legge, e propongono semplicemente che le regole per la costruzione delle moschee vengano applicate anche alla costruzione dei luoghi di culto cristiani”.
La nuova legislazione, nelle attese dei cristiani egiziani, avrebbe dovuto portare alla totale archiviazione delle cosiddette “10 regole” aggiunte nel 1934 alla legislazione ottomana dal Ministero dell'interno, che vietavano tra l'altro di costruire nuove chiese vicino alle scuole, ai canali, agli edifici governativi, alle ferrovie e alle aree residenziali. In molti casi, l'applicazione rigida di quelle regole ha impedito di costruire chiese in città e paesi abitati dai cristiani, soprattutto nelle aree rurali dell'Alto Egitto. (GV) (Agenzia Fides 28/8/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network