AFRICA/ZAMBIA - “Andate a votare, nonostante il comportamento scorretto dei media di Stato” esorta un Vescovo

giovedì, 4 agosto 2016 vescovi   elezioni   media  

Lusaka (Agenzia Fides)-“Mentre lo Zambia si appresta a recarsi al voto l’11 agosto (ricorrenza di Santa Chiara d’Assisi, ndr.), cerchiamo l’intercessione di Santa Chiara, in modo particolare per coloro che sono coinvolti in vari modi nei media” scrive Sua Ecc. Mons. Evans Chinyama Chinyemba, OMI, Vescovo di Mongu in una lettera ai fedeli, il cui testo è stato inviato all’Agenzia Fides.
Il Vescovo sottolinea che “il Paese andrà a votare con la consapevole di come gli zambiani hanno permesso ai media pubblici, ZNBC, Times of Zambia, Daily Mail, ZANIS, NAIS, (di proprietà statale, ndr.) di distruggere la loro etica professionale parlando sempre e solo del partito al potere”.
“Il comportamento dei media pubblica sembra che abbia lasciato la Commissione Elettorale impotente sapendo che la mano del governo è presente in entrambe le istituzioni, e ha favorito la nascita di media online che sono diventati la cassa di risonanza dei partiti dell’opposizione. Con queste sfide all’uso dei media in tempo di elezioni, la Commissione Elettorale dopo il voto di quest’anno dovrà rivedere il Codice di condotta elettorale nella parte relativa ai media” continua Mons. Chinyemba.
Il Vescovo di Mongu conclude invitando i fedeli a pregare per la pace nel Paese e a recarsi alle urne per votare. “Armatevi della vostra scheda elettorale e non del panga (machete). Il vostro voto e non la violenza è quello che alla fine conta. Mentre fate la fila per votare, ricordatevi dei milioni di zambiani che non possono farlo perché sono minorenni. Se anteponete il vostro egoismo al futuro di coloro che non possono ancora votare, sarete ritenuti responsabili” conclude il Vescovo.
La Conferenza Episcopale dello Zambia aveva già denunciato le violenze che stanno caratterizzando la campagna elettorale (vedi Fides 1/6/2016) così come l’atteggiamento xenofobo di una parte della popolazione nei confronti dei richiedenti asilo nel Paese (vedi Fides 29/4/2016). (L.M.) (Agenzia Fides 4/8/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network