AFRICA/EGITTO - Il Presidente al Sisi riceve il Patriarca Tawadros; polemiche sulle manifestazioni dei copti in Usa

venerdì, 29 luglio 2016 settarismi  

coptstoday.com

Il Cairo (Agenzia Fides) - I cittadini egiziani, a qualsiasi comunità religiosa appartengano, “sono tutti uguali nei loro diritti e nei loro doveri, in accordo con la Costituzione”. E i cristiani egiziani hanno mostrato “saggezza e spirito di Patria” nel modo in cui hanno risposto alle sofferenze e alle provocazioni subite negli ultimi anni, rimanendo saldi davanti agli attacchi provenienti da coloro che “vorrebbero sfruttare la religione come uno strumento per fomentare divisioni e diffondere idee estremiste”. Sono queste le considerazioni essenziali che il Presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha voluto esprimere nel suo incontro con il Patriarca copto ortodosso Tawadros II, da lui ricevuto ieri nel palazzo presidenziale insieme a una delegazione comprendente diversi Vescovi del Sinodo della Chiesa copta ortodossa. Sisi ha posto l'accento sul valore della fratellanza in Egitto fra cristiani e musulmani, valorizzando le iniziative messe in campo dall'Egyptian Family House (Casa della Famiglia egiziana), organismo di collegamento interreligioso sorto da alcuni anni come strumento per prevenire e mitigare le contrapposizioni settarie.
Intanto suscitano ancora polemiche le dimostrazioni pubbliche svolte da alcuni gruppi della diaspora copta – come quello che ha manifestato nei giorni scorsi a Washington, davanti alla Casa Bianca – per protestare contro le violenze subite dai cristiani in Egitto. I portavoce del Patriarcato copto ortdosso non hanno voluto esprimere commenti ufficiali su tali manifestazioni, ma nei giorni scorsi dal Patriarcato erano arrivate messe in guardia contro possibili strumentalizzazioni, e la diffida a organizzare all'estero mobilitazioni e campagne pubbliche che potevano essere percepite come tentativi di “interferenza” nelle vicende interne egiziane, messe in atto da organizzazioni e gruppi stranieri.
Lo scrittore egiziano Michel Fahmy ha duramente polemizzato con tali manifestazioni, organizzate da membri della diaspora egiziana copta, definendoli atti “di stupidità o di tradimento” compiuti da piccoli gruppi, sottolineando che solo lo Stato egiziano è in grado di proteggere anche i copti dalle violenze settarie, obiettivo che non sono in grado di assicurare né le sigle militanti della diaspora copta ortodossa, né i parlamientari copti presenti nel Parlamento egiziano. (GV) (Agenzia Fides 29/7/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network