AFRICA/UGANDA - Ondata di profughi sud sudanesi: sovraffollati i centri di accoglienza già precari

martedì, 26 luglio 2016 rifugiati  

Internet

Gulu (Agenzia Fides) – In sole tre settimane sono giunti in Uganda 30 mila rifugiati, i centri di accoglienza sono sovraffollati, al limite del collasso. I recenti combattimenti in Sud Sudan hanno causato una nuova ondata di arrivi, mettendo sotto pressione i Paesi limitrofi del sud, che già ospitano mezzo milione di rifugiati. Dai primi giorni di dicembre 2015, in Uganda c’erano già almeno 511 mila profughi e richiedenti asilo, e il Paese era diventato il terzo in quanto ad accoglienza in Africa dopo Etiopia e Kenya. Negli ultimi giorni oltre 30 mila persone sono fuggite dai combattimenti in Sud Sudan e le agenzie umanitarie hanno denunciato la precarietà delle risorse e l’inadeguatezza delle strutture di accoglienza e dei centri di transito nella parte nord occidentale del Paese.
Il centro di Elegu, ai confini tra Sud Sudan e Uganda, attualmente ospita 10 mila persone, cifra dieci volte superiore alla capacità prevista. Le forti piogge contribuiscono ad ostacolare gli interventi, i servizi sanitari sono scarsi e i luoghi pieni di spazzatura. Le latrine non riescono a contenere il grande numero di persone costringendone migliaia a defecare all’aperto.
“La situazione è molto peggiorata: allarmante e spaventosa. Le cifre sono schiaccianti e le agenzie umanitarie sul territorio sono relativamente poche” si legge in una dichiarazione del direttore esecutivo della Caritas dell’arcidiocesi di Gulu, pervenuta a Fides. I bambini e le donne, visibilmente stanchi e affamati, compongono il 90% del nuovo afflusso. Altrettanto drammatica la situazione nel centro di transito di Nyumanzi, nel distretto nord occidentale di Adjumani, che fu costruito nel 2014 per ospitare circa 2000 persone per non oltre due settimane. Attualmente accoglie oltre 20 mila profughi. Il centro di raccolta di Kuluba ne ospita 1500, rispetto ai 300 previsti dalla capacità degli ambienti.
(AP) (26/7/2016 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network