ASIA/TERRA SANTA - "Abbiamo sete della Tua pace".Quasi 700 giovani dalla Terra Santa alla GMG di Cracovia

venerdì, 22 luglio 2016 giornata mondiale della gioventù   giovani   aree di crisi   pellegrinaggi  

lpj.org

Gerusalemme (Agenzia Fides) – Sono quasi 700 i ragazzi e le ragazze che dalla Terra Santa sono partiti nei giorni scorsi diretti in Polonia, per partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù 2016, i cui eventi centrali si svolgeranno a Cracovia dal 27 al 31 luglio. Alla precedente GMG di Rio de Janeiro 2013 avevano partecipato solo 30 ragazzi provenienti da Israele, Palestina e Giordania. Stavolta del gruppo fanno parte un centinaio di giordani, quasi duecento palestinesi, maroniti e greco-cattolici della Galilea, un gruppo di cattolici delle parrocchie ebreofone e e il gruppo di ragazzi e ragazze del Cammino neocatecumenale, provenienti anche da Cipro. I quasi 200 ragazzi e ragazze preovenienti dai Territori Palestinesi – compresi 5 che vivono nella Striscia di Gaza - hanno deciso di raccontare le loro avventure e raccogliere emozioni e riflessioni nel “diario di George”, una sorta di giornale di bordo collettivo i cui passaggi chiave vengono rilanciati sul sito ufficiale del Patriarcato latino di Gerusalemme.
Nelle prime pagine, il “diario di George” sta raccontando le prime giornate e le prime impressioni delle ragazze e dei ragazzi arabi cristiani nella loro trasferta polacca. Dicono di aver avuto "un'accoglienza travolgente" a Torun, la città che li ospita, e subito prendono nota delle cose che possono imparare durante questo viaggio che li porterà a incontrare migliaia di coetanei provenienti da tutto il mondo: “il popolo polacco” si legge nel resoconto del primo giorno “quando si impegna, lo fa fino in fondo! Io penso che noi, i palestinesi in particolare e gli arabi in generale, abbiamo qualcosa da imparare da questo popolo. Dei valori che ci mancano ancora: lo spirito del rigore nel lavoro, dell'impegno serio, e anche privilegiare il bene comune”. Il racconto del primo giorno in Polonia si conclude con una bella preghiera di ringraziamento: “Grazie, Signore, tu mi hai appagato durante questa lunga giornata di amicizia e di bellezza. Donami un cuore che ascolta, un cuore in pace, un cuore saggio, per vivere intensamente questi giorni futuri nella tua amorevole presenza. Guarisci la mia anima, io ho sete della pace.... della Tua pace”. (GV) (Agenzia Fides 22/7/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network