AMERICA/STATI UNITI - Riforma dell'immigrazione: non una questione politica, ma di difesa dei diritti umani

venerdì, 1 luglio 2016 rifugiati   diritti umani   aree di crisi  
Mons. José Gómez

Mons. José Gómez

Los Angeles (Agenzia Fides) – "Abbiamo bisogno di una riforma globale dell'immigrazione ora. Non è una questione politica, è una questione di difesa dei diritti umani e di protezione della dignità umana": sono le parole di Sua Ecc. Mons. José Gómez, Arcivescovo di Los Ángeles, la circoscrizione ecclesiastica degli Stati Uniti d’America più grande e con il maggior numero di immigrati ispanici e di diverse parti del mondo.
L'Arcivescovo, secondo la nota pervenuta a Fides, ha chiesto al Presidente Barack Obama di fermare le espulsioni degli immigrati irregolari, dopo la decisione della Corte Suprema del 23 giugno di confermare lo stop al piano sull’immigrazione di Obama che cerca di dare lo status legale a cinque milioni di immigrati clandestini presenti nel Paese. La Corte Suprema si è pronunciata dopo che 26 Stati, guidati dal Texas, hanno respinto il piano di Obama, ritenendo che il Presidente sia andato oltre ai suoi poteri e abbia stabilito misure che competono al Congresso Nazionale.
Nella sua dichiarazione che porta la data del 26 giugno, l'Arcivescovo di Los Angeles afferma che "il costante fallimento della nostra nazione nell’affrontare la crisi dell'immigrazione è una tragedia umanitaria". Tuttavia "è ora il momento di mostrare nuovamente il coraggio della leadership morale e politica". (CE) (Agenzia Fides, 01/07/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network