ASIA/CINA - Gli orfani di Da Ming celebrano la festa del papà per i sacerdoti che li seguono

giovedì, 23 giugno 2016 chiese locali   ordini religiosi   minori  

Faith

Han Dan (Agenzia Fides) – I bambini disabili, abbandonati dai loro genitori, e gli orfani accolti nell’Istituto Don Bosco di Da Ming, nella diocesi di Han Dan, hanno celebrato la “festa del papà” festeggiando i sacerdoti che si occupano di loro e che quindi considerano come i loro padri. Secondo le informazioni raccolte dall’Agenzia Fides, dopo la Messa domenicale del 19 giugno, in cui in Cina si celebra la festa del papà come ogni terza domenica di giugno, i bambini si sono stretti intorno al sacerdote che aveva celebrato la Messa per festeggiarlo.
Ad occuparsi dell’assistenza spirituale delle suore che gestiscono l’Istituto e dei bambini ospitati, sono i sacerdoti della comunità del seminario diocesano del Sacro Cuore, sempre disponibili a rispondere alle esigenze di questi bambini, tanto da diventare per loro quasi dei papà, affettuosi e pazienti. I piccoli hanno quindi voluto festeggiarli nella festa del papà e hanno mandato dei fiori fatti con le loro mani agli altri sacerdoti che non erano presenti e che a turno si occupano di loro.
L’Istituto Don Bosco di Da Ming è nato nel 1984, quando suor Wu Yong Bo, della congregazione della Madre di Dio, allora ottantenne, accolse una bambina disabile lasciata davanti alla porta della chiesa. Da quel momento l’anziana suora decise di prendersi cura di questi bambini, sia pure in una struttura molto modesta. Nell’ottobre 1994 l’Istituto Don Bosco è stato aperto ufficialmente in un edificio adeguato alle esigenze.
Ad oggi circa 300 bambini disabili, abbandonati, orfani hanno trovato qui un’accoglienza amorevole. Molti di loro hanno potuto andare all’università oppure sono stati adottati da famiglie scelte e seguite dalle suore. Per raccogliere i fondi necessari al funzionamento dell’Istituto, le suore hanno anche partecipato alla maratona annuale di Pechino. Grazie a loro, ai sacerdoti e alla generosità di tanti fedeli laici, l’Istituto oggi offre anche corsi professionali per disabili adulti, di abilitazione professionale per quanti sono colpiti da paralisi cerebrale, inoltre organizza incontri per migliorare la formazione e la vita sociale di questi bambini. Oggi sono 61 i bambini ospiti dell’Istituto.
(NZ) (Agenzia Fides 2016/06/23)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network