ASIA/INDIA - “Mattoni di speranza” per sconfiggere la piaga del lavoro minorile

lunedì, 13 giugno 2016 lavoro minorile  

ILO in Asia and the Pacific

Pasahaur (Agenzia Fides) - Anche se il governo indiano e le istituzioni garantiscono istruzione gratuita e obbligatoria a tutti i bambini nella fascia di età compresa tra 6 e 14 anni e vieta il loro coinvolgimento nel mondo del lavoro, il fenomeno dello sfruttamento minorile continua ad essere una delle piaghe più gravi del Paese. Recenti indagini, di cui è pervenuta notizia a Fides, hanno rivelato che attualmente in India ci sono circa 60 milioni di bambini e bambine lavoratori occulti, impegnati in attività di qualsiasi natura. Lungo le vaste aree agricole ci sono zone dove si producono mattoni. A Pasahaur, distretto di Jhajjar (Haryana), circa 60 km da Nuova Delhi, ci sono 500 forni di mattoni che costituiscono la principale fonte di approvvigionamento di questo materiale per molte provincie del nord del Paese. Bambini molto piccoli lavorano come muratori esperti per ore, da aprile a metà giugno, sotto il sole.
Tra le iniziative per risolvere il grave problema dello sfruttamento minorile nella zona il Pasahaur Don Bosco è fortemente impegnato anche nella costruzione di un villaggio nel quale avviare programmi di sensibilizzazione per donne e minori lavoratori, un centro per i piccoli più svantaggiati, istruzione e assistenza ai più bisognosi. Dare un minimo di istruzione è uno degli obiettivi principali per liberare questi piccoli dallo sfruttamento. (AP) (13/6/2016 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network