ASIA/GIORDANIA - Assalto terrorista contro la sede dell'intelligence, condanna unanime delle Chiese

giovedì, 9 giugno 2016 terrorismo  

geo.tv

Amman (Agenzia Fides) – "L'atroce assalto" perpetrato da uomini armati contro la sede dei servizi segreti dislocata presso il campo profughi di Baqaa, costato la vita a cinque dipendenti degli apparati di intelligence, è un segno grave e preoccupante, ma avrà l'effetto di “raccogliere ancora di più” il popolo giordano intorno alla Monarchia hascemita, in risposta ai disegni di chi mira a destabilizzare il Paese. E' questa la previsione espressa dai Capi e dai responsabili di tutte le Chiese e le comunità cristiane presenti in Giordania, che in una dichiarazione sottoscritta insieme e diffusa ieri, mercoledì 8 giugno, hanno espresso unanime condanna dell'assalto terrorista.
L' atto criminale – si legge nel comunicato – renderà ancor più determinata la lotta per contrastare a tutti i livelli l'estremismo e il terrorismo. “Noi, i giordani cristiani – si legge nel comunicato, pervenuto all'Agenzia Fides e sottoscritto anche dall'Arcivescovo Maroun Laham, Vicario pariarcale per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme - ci offriamo come barriera inespugnabile, rimaniamo saldamente dietro la guida saggia del Re Abdallah II Bin Al-Hussein, e a tutti i nostri servizi di sicurezza ovunque dislocati, di fronte a qualsiasi tentativo di mettere in pericolo la sicurezza e la stabilità della Giordania”.
L'attentato alla sede dell’intelligence giordana nel campo profughi di Baqaa è avvenuto con armi automantiche di prima mattina, il 6 giugno, quando era appena cominciato il primo giorno del mese sacro del Ramadan. L'assalto ha provocato la morte di cinque dipendenti dell’ufficio (compresi tre agenti dei servizi), e si è concluiso con l'arresto dei due membri del commando.
Il campo di Baqaa, a nord di Amman, ospita 70mila profughi palestinesi, la maggior parte arrivati dopo il 1967, e c'è il rischio che sia stato infiltrato da gruppi jihadisti. (GV) (Agenzia Fides 9/6/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network