AMERICA/ECUADOR - L’Arcivescovo di Portoviejo: “Accoglienza e Misericordia” per vincere lo scoraggiamento

martedì, 10 maggio 2016 catastrofi naturali   chiese locali  
Terremoto Ecuador

Terremoto Ecuador

Portoviejo (Agenzia Fides) – “L'esperienza del terremoto é stata realmente un trauma grande per tutti, ma soprattutto per le numerose famiglie che hanno perso i loro congiunti. Penso a quel papá di Manta che ha perso la moglie, i due figli, la suocera ed un nipote o a quella famiglia che é stata distrutta mentre il papá cercava di mettere tutti in salvo in macchina: la casa davanti alla quale si era fermato é crollata e ha sepolto tutti. Tragedia, dolore, morte ci hanno raggiunto tutti impreparati. Siamo rimasti per giorni e giorni attoniti, increduli, sempre in attesa di qualche tragica notizia in piú”. Così scrive all’Agenzia Fides l’Arcivescovo di Portoviejo, Sua Ecc. Mons. Lorenzo Voltolini, descrivendo gli avvenimenti seguenti al terremoto di 7.8 gradi della scala Richter che alle ore 19 di sabato 16 aprile, ha devastato l’Ecuador (vedi Fides 18,20,29/4/2016; 6/5/21016).
“L’immensa forza sismica ha distrutto case, alberghi, chiese, case parrocchiali, scuole, universitá, edifici pubblici, sociali e commerciali. Tutto nel giro di 50 lunghi secondi. E poi un silenzio di morte” racconta mons. Voltolini. “La tragedia avrebbe potuto essere sicuramente molto piú grande se il cataclisma fosse stato in un altro giorno e in un’altra ora. Molte persone il sabato vanno alla Messa che inizia, in generale, alle 19 o alle 19,30. Io mi trovavo nella cappella di un rione periferico della cittá di Portoviejo. Avevo appena finito di celebrare la Messa. Ero in sacrestia, la forza del movimento é stata tanto grande che, per non cadere, ho dovuto aggrapparmi agli stipiti della porta. I fedeli che ancora stavano in chiesa sono caduti a terra, l’energia elettrica é mancata alla prima scossa”.
L’Arcivescovo racconta che “molte chiese sono state severamente danneggiate. Alcune senza possibilitá di recupero dovranno essere distrutte completamente. Altre ancora dovranno essere messe in sicurezza, ma con forti spese. Molte scuole e cliniche sono state devastate, alcune rase al suolo”.
La Chiesa, fin dall'inizio, si è prodigata per accogliere i senzatetto, distribuire acqua e viveri ai piú bisognosi. La stessa casa del Vescovo, avendo resistito al sisma, si è trasformata in ospedale. “Il ‘Banco de Alimentos’ ci ha mandato immediatamente un contenitore immenso di acqua e cibo – prosegue Mons. Voltolini -. I primi scaricatori sono stati i sacerdoti, i parroci della cittá di Portoviejo, poi sono arrivati anche i volontari. L'esempio di molti sacerdoti é stato veramente bello e coraggioso. Nelle cittadine piú piccole, i parroci sono stati, e lo sono ancora, i veri organizzatori dei soccorsi, prima ancora che arrivasse lo stato. La rete dei catechisti e dei messaggeri conosce molto bene le necessitá e sa chi é nell'indigenza, per questo i nostri aiuti, come Chiesa, sono arrivati senza ripetizioni e senza accaparramenti. i volontari sono stati veramente bravi ed efficaci”.
L’Arcivescovo rileva che anche l'organizzazione statale ha fatto la sua parte, fornendo luce, mezzi per lo sgombero delle macerie, valutazioni sulla stabilitá degli edifici, tuttavia in alcune occasioni, ha detto alle autoritá che la Chiesa vorrebbe godere di piú libertá “nel fare il bene”, nel distribuire i generi di prima necessitá mediante le parrocchie e le piccole comunitá.
“Non dimenticateci - chiede l’Arcivescovo di Portoviejo - avremo bisogno di voi quando inizieremo la ricostruzione, che non sará solo di colonne, mattoni, cemento, ma di famiglie, comunitá, parrocchie, relazioni umane nuove, nate sullo stile e le esigenze del Vangelo”. E sottolinea che il motto del loro piano pastorale è “Accoglienza e Misericordia”. “Non lo abbiamo cambiato – spiega -, perchè ci é sembrato il piú appropriato per vivere e vincere la tentazione dello scoraggiamento”. (SL) (Agenzia Fides 10/05/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network