AFRICA/NIGERIA - I Vescovi: “Presidente, siamo con lei nella lotta contro la corruzione e la violenza”

mercoledì, 4 maggio 2016 vescovi  


Abuja (Agenzia Fides) - “Lodiamo i suoi sforzi per combattere Boko Haram e la corruzione. Auspichiamo che giustizia sia fatta secondo la legge, senza che ci siano isole d’impunità” ha affermato Sua Ecc. Mons. Ignatius Ayau Kaigama, Arcivescovo di Jos e Presidente della Conferenza Episcopale della Nigeria, nel suo discorso in occasione della visita dei Vescovi al Presidente nigeriano Muhammud Buhari, effettuata il 2 maggio.
Riferendosi a Boko Haram e alla corruzione, Mons. Kaigama li ha definiti “due mostri che minacciano di destabilizzare la Nigeria e di distruggere la crescita e lo sviluppo della nazione”. Nel suo discorso, il cui testo è stato inviato all’Agenzia Fides, l’Arcivescovo di Jos sottolinea gli sforzi della Chiesa cattolica per portare aiuto alle popolazioni costrette alla fuga dalle violenze della setta islamista. “In particolare - ha ricordato - i Vescovi di Maiduguri e di Yola, come quelli di altre parti del Paese, hanno ospitato un gran numero di sfollati interni. La Caritas nigeriana ha inviato una delegazione in Camerun con una significativa quantità di aiuti per soccorrere migliaia di nigeriani che si sono rifugiati in quel Paese”
Il Presidente della Conferenza Episcopale ha poi citato i recenti massacri negli Stati del sud, come quelli avvenuti ad Agatu e Nimbo (vedi Fides 2/5/2016), attribuiti ai pastori Fulani, che sarebbero responsabili anche del fallito agguato all’automobile su cui viaggiava il Card. John Olorunfemi Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja.
Secondo Mons. Kaigama occorre fornire aiuto sia ai pastori in difficoltà per i cambiamenti climatici (vedi Fides 2/5/2016) che agli agricoltori, anche per creare un’economia meno dipendente dal petrolio, ma allo stesso tempo afferma che “gli attacchi armati e i massacri sono diventati una minaccia nazionale, al punto che si dovrebbe considerarli come un’insorgenza e trattarli come tale”.
Mons. Kaigama ha infine lamentato la mancanza di supporto dello Stato alle scuole cattoliche, definite “scuole missionarie”, perché forniscono un’educazione di qualità a tutti coloro che la chiedono, senza discriminazioni, e le enormi difficoltà per costruire luoghi di culto cristiani nelle università federali negli Stati del Nord, a maggioranza musulmana, così come nuove chiese nelle stesse aree.
“Le chiediamo di spingere i governi di quegli Stati a far rispettare la libertà di religione inscritta nella nostra Costituzione” ha chiesto Mons. Kaigama al Capo dello Stato. (L.M.) (Agenzia Fides 4/5/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network