AMERICA/PORTO RICO - Il 57 per cento dei giovani portoricani vive al di sotto della soglia di povertà

giovedì, 21 aprile 2016 giovani   povertà   politica   aree di crisi  
crisi economica e finanziaria di Porto Rico

crisi economica e finanziaria di Porto Rico

San Juan (Agenzia Fides) – Mentre il Congresso statunitense dibatte le soluzioni legislative per la grave crisi economica e finanziaria di Porto Rico (vedi Fides 18/3/2016;12/4/2016), nuovi rapporti indicano che il tasso di povertà infantile dell'isola è peggiore di quanto si temesse e che l’emigrazione è in aumento. Secondo un nuovo rapporto dell'Istituto per lo Sviluppo della Gioventù, il 57 per cento dei giovani portoricani sotto i 18 anni vive al di sotto della soglia di povertà. Quasi il 41 per cento delle famiglie con giovani sotto i 18 anni riceve buoni pasto.
La nota inviata a Fides dalla “Jubilee USA Network”, la rete di organizzazioni e comunità religiose impegnate a promuovere la riduzione della povertà e a trovare soluzioni alle crisi scatenate dall'indebitamento internazionale dei Paesi economicamente più deboli, riporta il parere di Eric LeCompte, esperto di debito e direttore esecutivo della ong: "l'azione del Congresso deve includere forti, completi e organici strumenti di ristrutturazione, per portare il debito a livelli possibili da pagare".
Inoltre sottolinea: "La legislazione deve anche fissare obiettivi chiari per ridurre la povertà infantile. Dei bambini americani stanno soffrendo sull'isola… Sapevamo che le cose andavano già male per i bambini, ma i nuovi dati suggeriscono che è ancora peggio di quanto pensassimo". LeCompte ha scritto una lettera al Congresso per sollecitare che, nell’ambito delle misure legislative proposte per Portorico, una priorità debba essere la riduzione della povertà infantile.
(CE) (Agenzia Fides, 21/04/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network