ASIA/TERRA SANTA - Ripartiti i lavori del Muro di Cremisan; condanna del Patriarcato Latino di Gerusalemme

lunedì, 11 aprile 2016 aree di crisi  

lpj

Beit Jala (Agenzia Fides) - La costruzione del muro di separazione nella zona di Cremisan, all’inizio di questo mese di aprile 2016, è entrata nella fase operativa. Nell'area squadre di operai con scavatrici, gru e buldozer sono all'opera per erigere, uno dopo l'altro, i pannelli di cemento alti otto metri nella terra di una valle dove un tempo erano saldamente piantati alberi di ulivo secolari.
Il Patriarcato Latino di Gerusalemme, in un comunicato diffuso attraverso i suoi canali ufficiali, ha ribadito delusione e condanna per l'operazione condotta da parte delle forze israeliane. “La costruzione di un muro di separazione e l’ingiusta confisca delle terre appartenenti alle famiglie cristiane di Beit Jala” si legge nel comunicato, “sono una violenta offesa contro il processo di pace”.
Nel comunicato patriarcale si ricorda che già il 9 luglio 2004 la Corte Internazionale di giustizia dell'Aja aveva definito come illegale la costruzione del muro e ne aveva chiesto lo smantellamento. Dello stesso parere era stata anche l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Nell'aprile 2015 anche la Corte suprema israeliana aveva riconosciuto che la barriera non ha alcuna giustificazione in ordine alla sicurezza di Israele. (GV) (Agenzia Fides 11/4/2016).


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network