ASIA/PAKISTAN - Contro il terrorismo bisogna cambiare la mentalità, tramite l’opera di istruzione

venerdì, 1 aprile 2016 minoranze religiose   terrorismo   dialogo   pace   cultura   istruzione  

OFM Cap Lahore

Un incontro interreligioso a Lahore

Lahore (Agenzia Fides) – “Oggi molti giovani in Pakistan subiscono un lavaggio del cervello e poi uccidono o diventano kamikaze in nome di Dio. Questi attacchi odiosi andranno avanti finchè in Pakistan non si lavorerà tutti insieme per un cambiamento di mentalità e di cultura: genitori, insegnanti, leader religiosi di tutte le fedi, leader sociali e politici, tutti coloro che hanno influenza sull’opinione pubblica”: è l’analisi consegnata a Fides da p.Inayat Bernard, Rettore del Seminario minore di S. Maria a Lahore, all’indomani della strage di Pasqua, avvenuta a Lahore, che ha fatto, secondo il bialncio ufficiale, 78 vittime (54 musulmani e 24 cristiani) e oltre 300 feriti.
Parlando a Fides, il Rettore spiega: “La violenza andrà avanti finchè il rispetto dell'umanità, la tolleranza e il timore di Dio non verrà predicato dai leader di tutte le religioni”, notando la necessità che in tutti i luoghi di culto e tutti i leader religiosi si facciano promotori di pace e armonia.
“I nemici della nazione – continua p. Inayat – proseguono con i loro piani disumani per destabilizzare il paese. Le persone di buona volontà pregano per tali elementi terroristi, perché Dio possa cambiare il loro cuore e la loro mente e possano mettere le loro energie morali a servizio della prosperità e dello sviluppo del Pakistan.
Accanto ad una “azione coerente dell'esercito e del governo nel fermare e prevenire la violenza, per garantire pace e armonia nel paese, c’è la responsabilità di tutti i 200 milioni di cittadini pakistani, di qualsiasi fede religiosa, chiamati a vivere e contribuire per la stabilità e la prosperità della nazione” rimarca il sacerdote. Uno dei gangli essenziali per operare questo cambiamento, conclude p. Inayat, è la scuola e la formazione delle giovani generazioni, tramite l’opera di istruzione: da lì inizia la costruzione di una mentalità aperta, tollerante, dialogica, pacifica, inclusiva. (PA) (Agenzia Fides 1/4/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network