AMERICA/COLOMBIA - Speranze nei colloqui di pace con l’ELN per “mettere fine a questa guerra che non ha senso"

venerdì, 1 aprile 2016 violenza   gruppi armati   politica   vescovi  
colloqui di pace con l’ELN

CEC

colloqui di pace con l’ELN

Bogotà (Agenzia Fides) – L’Arcivescovo di Tunja e Presidente della Conferenza Episcopale della Colombia (CEC), Sua Ecc. Mons. Luis Augusto Castro, ha espresso ottimismo sull'accordo per l'apertura dei colloqui di pace tra il governo e l’ELN (Esercito di Liberazione Nazionale). "Speriamo che, come risultato di questo processo, questo gruppo (l’ELN) riesca ad integrarsi nella società, per porre fine a questa guerra che non ha senso" ha affermato l'Arcivescovo.
La nota inviata a Fides dalla CEC informa che la Chiesa colombiana in questi ultimi giorni aveva ricevuto una lettera da parte dell'ELN in cui le veniva chiesto di essere presente al tavolo dei negoziati. Una volta reso pubblico il processo, previa consultazione con il Presidente della repubblica e la Commissione per la Pace, è stata data risposta positiva, quindi si cercherà di dare tutto il sostegno possibile a questo dialogo, nella speranza di offrire un contributo positivo. Comunque, sottolinea la nota, i colloqui con il gruppo di guerriglieri, sono condizionati dal fatto che l'ELN non detenga alcuna persona sequestrata.
Il governo Colombiano ha informato che il luogo per il dialogo con l’ELN sarà l'Ecuador. I garanti di questi nuovi dialoghi saranno Ecuador, Venezuela, Brasile, Norvegia, Cile e Cuba. Secondo dati raccolti da Fides, risalgono al 2014 i primi contatti fra governo colombiano e ELN, ma a causa delle azioni violente del gruppo guerrigliero, non si è concretizzato niente fino a ieri. L'ELN infatti è stato autore delle azioni più sanguinose negli ultimi tempi della storia colombiana. Nato nel 1964, l'ELN sembra contare più di 2000 uomini.
Riguardo ai dialoghi di pace con le FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia), in corso a Cuba, le parti non sono riuscite a trovare un accordo finale la settimana scorsa, data limite che era stata fissata. Malgrado ciò, la comunità colombiana parla già del post-conflitto con le FARC, della trasformazione di questo gruppo in partito politico e della formazione dei tribunali speciali per giudicare i crimini commessi durante la loro guerriglia.
(CE) (Agenzia Fides, 01/04/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network