AMERICA/PORTO RICO - Tagli a sanità, educazione e pensioni per pagare i creditori

venerdì, 18 marzo 2016 aree di crisi   povertà   politica   economia  
Porto Rico

Porto Rico

San Juan (Agenzia Fides) – Il Porto Rico non riesce a soddisfare i pagamenti del debito estero, così l'isola si trova di fronte ad azioni legali intraprese da parte dei creditori (vedi Fides 4,5,11/12/2015). Il Porto Rico, stato libero associato degli Stati Uniti d’America, sta affrontando da tempo una dura crisi finanziaria che ha già portato all’aumento della povertà e della disoccupazione. Ora ha iniziato il taglio dei servizi per pagare il suo debito, compresi i finanziamenti per l'assistenza sanitaria, per l'educazione speciale, i servizi elettorali e le pensioni.
Il governatore di Porto Rico, Alejandro García Padilla, ha ricordato che il Congresso statunitense dovrebbe prendere in esame un intervento legislativo sulla crisi di Porto Rico entro il 31 marzo.
"Il Porto Rico ha bisogno di essere in grado di rimettersi in piedi al più presto possibile" ha osservato Eric LeCompte, direttore esecutivo della coalizione no profit di sviluppo “Jubilee USA network”. In un’audizione al Congresso, secondo la nota pervenuta a Fides, LeCompte ha offerto delle soluzioni alla crisi. "Le cause legali potranno solo aumentare la pressione su Porto Rico e sui suoi cittadini più vulnerabili" ha sottolineato. (CE) (Agenzia Fides 18/03/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network