AMERICA/PARAGUAY - Aumentano le denunce di maltrattamento dei minori sfruttati come domestici

venerdì, 11 marzo 2016 lavoro minorile  

Imagens Portal SESCSP

Asuncion (Agenzia Fides) – Negli ultimi tre anni in Paraguay si sono verificate diverse morti di minori, che lavoravano come domestici, a causa dei maltrattamenti subiti per mano degli stessi datori di lavoro. Si tratta di un fenomeno “culturalmente accettato”: nel Paese infatti è normale che un minorenne lavori come domestico e anche le famiglie di origine sono convinte che i propri figli così vivranno in condizioni di vita migliori.
Secondo quanto dichiarato dalla Segreteria per l’Infanzia e l’Adolescenza (SNNA), è una forma di sfruttamento domestico di bambini e adolescenti molto radicata. Solo a gennaio 2016 sono state registrate già 12 denunce per maltrattamenti di questo tipo, una cifra precedentemente riportata in tutto il 2014. Le stime ufficiali dimostrano che in Paraguay oltre 46 mila bambini e adolescenti delle famiglie più precarie lavorano a servizio delle famiglie benestanti in cambio di vitto e alloggio. La SNNA ha dichiarato che le denunce degli ultimi tre anni sono arrivate attraverso il servizio telefonico gratuito Fono Ayuda, e per oltre l’80% le vittime erano bambine e donne adolescenti, la maggior parte nella fascia di età tra 9 e 17 anni. (AP) (11/3/2016 Agenzia Fides)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network