ASIA/PAKISTAN - La nazione celebra il quinto anniversario della morte di Shahbaz Bhatti

mercoledì, 2 marzo 2016 persecuzioni   minoranze religiose   martiri   diritti umani  

I funerali di Shahbaz Bhatti

Islamabad (Agenzia Fides) – Una preghiera speciale di commemorazione nelle chiese di Islamabad, Rawalpindi, Lahore, Khushpur e Sargodha e in molti altri luoghi: così il Pakistan ricorda Shahbaz Bhatti nel 5° anniversario della morte, avvenuta per mano terrorista il 2 marzo 2011. Anche la stampa pakistana in molti editoriali e commenti evoca l’opera del Ministro cattolico, ucciso per aver difeso la donna cristiana Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia.
L’anniversario è coinciso con un altro evento: i funerali di Mumtaz Qadri, appena giustiziato, killer del governatore del Punjab, Salman Taseer, anch’egli ucciso come Bhatti.
Mohammad Sherani, capo del Consiglio dell’ideologia islamica, organismo consultivo del governo pakistano, ha dichiarato: “Io rispetto i sentimenti religiosi ma rispetto la Costituzione del Pakistan e nessuno è al di sopra della legge”. Mentre nel paese si registra un picco nelle denunce per blasfemia, nelle scorse settimane Sherani ha parlato degli abusi della legge sulla blasfemia, aprendo a possibili cambiamenti della normativa per evitarli.
In un messaggio inviato a Fides, l’Ong pakistana “Life for All” afferma: “Siamo orgogliosi di chiamare Shahbaz Bhatti figlio della nostra terra. Non ha mai abbandonato la causa dei poveri. Non viveva nel lusso. Ha sacrificato anche la sua vita personale e familiare per dedicarsi alla sua comunità. Continueremo la sua missione”.
L’altra organizzazione, LEAD, guidata dall’avvocato cristiano Sardar Mushtaq Gill, in occasione dell’anniversario della morte chiede “giustizia per la sua uccisione”, rivendicata dal gruppo “Tehrik-i-Taliban”. (PA) (Agenzia Fides 2/3/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network