ASIA/INDIA - I Vescovi indiani discuteranno dei massacri anticristiani e dei martiri dell’Orissa

lunedì, 8 febbraio 2016 persecuzioni   chiese locali   minoranze religiose   induismo  

New Delhi (Agenzia Fides) – I Vescovi indiani, nella loro assemblea plenaria che si terrò dal 2 al 9 marzo a Bangalore, esamineranno e discuteranno la questione della persecuzione dei cristiani avvenuta nello stato di Orissa nel 2007 e nel 2008. Come appreso dall’Agenzia Fides, sarà l’Arcivescovo John Barwa, di Cuttack-Bhubaneswa (in Orissa), a illustrare e ricordare le violenze che si registrarono nel distretto di Kandhamal. L’Arcivescovo ha espresso la sua soddisfazione per questa possibilità.
La Chiesa in Orissa ha istituito una “Giornata dei martiri”, che ha proposto di celebrare a livello nazionale, e intende avviare il processo di beatificazione dei martiri di Kandhamal. A livello locale un gruppo di sacerdoti e laici sta preparando un elenco dettagliato dei martiri di Kandhamal, con le date della loro morte, la denominazione o la religione, raccogliendo la documentazione necessaria e le testimonianze per avviare la fase diocesana del processo canonico.
La violenza di Kandhamal, distretto nello stato indiano di Orissa, è durata per quasi quattro mesi nel 2008 e ha fatto oltre 90 vittime, mentre più di 50.000 persone sono rimaste senza casa. Numerosi Vescovi e Cardinali indiani hanno visitato il distretto negli anni scorsi. “Fare memoria di quel massacro servirà a non far accadere più eventi del genere, e per noi esprime un desiderio di piena riconciliazione” osserva a Fides il sacerdote locale padre Ajay Kumar Singh, che proviene da Kandhamal.
Alla plenaria dei Vescovi indiani parteciperanno gli Ordinari di 171 diocesi indiane, oltre a Vescovi ausiliari ed emeriti. Il tema centrale dell’assise è “La risposta della Chiesa in India alle sfide attuali”. (PA) (Agenzia Fides 8/2/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network