AMERICA/ARGENTINA - “Cura Brochero, un sacerdote vicino al popolo”: gioia dopo l’annuncio della canonizzazione

lunedì, 25 gennaio 2016 pietà   evangelizzazione   chiese locali  
Cura Brochero, un sacerdote vicino al popolo

Cura Brochero, un sacerdote vicino al popolo

Cruz del Eje (Agenzia Fides) – "Cura Brochero ha lavorato per noi, per il nostro progresso umano" ha detto ieri Sua Ecc. Mons. Santiago Olivera, Vescovo della diocesi argentina di Cruz del Eje, commentando la notizia della prossima canonizzazione del sacerdote gaucho. Venerdì 22 gennaio infatti Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a pubblicare il decreto di approvazione del secondo miracolo attribuito a Brochero, riguardante il caso di una bambina di 9 anni uscita dal coma dopo 45 giorni.
Mons. Olivera ha ricordato che José Gabriel del Rosario Brochero "è stato un sacerdote vicino al suo popolo", sottolineando il "momento di gioia" che vivono a Cordoba, terra dove è vissuto e ha lavorato, alla notizia della sua canonizzazione che lo farà diventare il primo santo nato e morto in Argentina. "Brochero è stato un sacerdote gaucho, era molto vicino al suo popolo ed è andato con il suo mulo di località in località, lavorando perché ci fosse il lavoro, le scuole e la dignità" ha detto Mons. Olivera, che è il vice Postulatore della Causa di canonizzazione.
Il sacerdote, "cura", Brochero (1840-1914) è stato beatificato da Benedetto XVI alla fine del 2012, anche se la sua causa di canonizzazione era già stata autorizzata nel 1967. Il primo santo nato in Argentina è San Hector Valdivielso Saez, conosciuto anche come San Benito de Jesus (1910-1934), che all'età di quattro anni venne portato dai suoi genitori in Spagna, dove è morto durante la rivoluzione delle Asturie, prima della guerra civile spagnola.
(CE) (Agenzia Fides, 25/01/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network