AMERICA/MESSICO - La violenza frutto della vendetta: 10 esecuzioni in 24 ore nello stato di Guerrero

giovedì, 21 gennaio 2016 violenza   vescovi  
La violenza frutto della vendetta

La violenza frutto della vendetta

Acapulco (Agenzia Fides) – I Vescovi delle diocesi dello stato messicano di Guerrero sono concordi nell’affermare che l'origine del clima di violenza nello stato va ricercata nella rabbia e nel desiderio di vendetta della popolazione, esasperata dalla mancanza di giustizia.
In occasione della riunione congiunta di Pastorale delle 4 diocesi dello stato, svoltasi ieri a Ciudad Altamirano, i Vescovi di Chilapa-Chilpancingo, Acapulco, Tlapa e Ciudad Altamirano, hanno evidenziato che Guerrero e il Messico continueranno ad avere tante "Arcelia" finché il cuore degli individui non sarà ricostruito: "Dobbiamo seminare i valori dell'amore, della pace, della tolleranza e della riconciliazione, se non ci riusciamo, continueremo ad avere sempre più Arcelia"
Ad Arcelia, un piccolo paesino nello stato di Guerrero, il 19 gennaio 4 persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco, secondo un primo rapporto della polizia, come una vera esecuzione. Nella stessa giornata, sempre nella zona di Guerrero, altre 6 persone sono state uccise da gruppi armati. Quindi 10 persone sono state uccise in 24 ore non a scopo di rapina ma solo per vendetta o regolamento dei conti.
L’Arcivescovo di Acapulco, Sua Ecc. Mons. Carlos Garfias Merlos, ha commentato che dal 2010 i Vescovi di Guerrero hanno analizzato i fattori che ci sono dietro le violenze nello stato. "Ci sono desideri di vendetta e rabbia che nascono da ragioni diverse e diverse circostanze" spiega nella nota pervenuta a Fides l’Arcivescovo di Acapulco. Il lavoro svolto dalla Chiesa cattolica nello stato è di aiutare le persone e la società a ricostruirsi dal profondo. "Abbiamo fatto il possibile per promuovere il perdono e diverse forme di riconciliazione per aiutare a ricostruire il tessuto sociale in tutto lo stato" conclude Mons. Garfias Merlos.
(CE) (Agenzia Fides, 21/01/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network