AFRICA/BURKINA FASO - “Il Paese è sotto choc, lutto per tre giorni e nelle chiese si prega per la pace” dice il Direttore Nazionale delle POM

lunedì, 18 gennaio 2016 terrorismo  


Ouagadougou (Agenzia Fides) - “Nelle chiese del Burkina Faso i fedeli pregano per la pace” dice all’Agenzia Fides p. Oscar Zoungrana, Direttore Nazionale delle Pontificie Opere Missionarie (POM) del Burkina Faso, dove il 15 gennaio un gruppo di terroristi di Al Qaida nel Maghreb Islamico (AQMI) ha ucciso almeno 29 persone di diversa nazionalità nell’assalto all’hotel Splendid (frequentato soprattutto da funzionari dell’ONU) e al vicino ristorante “Le Cappuccino” (vedi Fides 16/1/2016).
“La popolazione è ancora sotto choc. È vero che un episodio simile era avvenuto di recente nel Mali, Paese nostro vicino, e molti dicevano che anche il Burkina Faso poteva essere nel mirino dei terroristi, ma non ci si aspettava che potesse accadere un attentato così presto” dice a Fides don Oscar. “Per molti è stata una grande sorpresa, anche perché nel nostro Paese non era mai accaduto un dramma di queste proporzioni. C’era già stato un attacco ad alcuni gendarmi alla frontiera con il Mali, ma un assalto di queste proporzioni nella capitale ci ha colti di sorpresa”.
Il Burkina Faso ha appena concluso un periodo di transizione dopo la cacciata dell’ex Presidente Blaise Compaoré, culminata con le elezioni del 29 novembre che hanno portato alla designazione di Roch Marc Christian Kaboré come nuovo Presidente.
“Il governo appena insediato ha tenuto sabato 16 gennaio un Consiglio dei Ministri straordinario che ha preso alcuni provvedimenti, tra cui quello di indire il lutto nazionale di tre giorni” riferisce don Oscar. “È stato inoltre prolungato il coprifuoco stabilito nelle ore dell’assalto terroristico, mentre prosegue l’inchiesta per chiarire come si sono svolti i fatti. Il luogo dell’attentato è ancora circondato dalle forze di sicurezza per permettere il lavoro degli inquirenti. Mali e Burkina Faso hanno inoltre deciso di coordinare gli sforzi per lottare contro i terroristi mentre è stata rafforzata la collaborazione con le forze francesi e americane presenti da tempo nel nostro Paese, che hanno condotto l’assalto finale per liberare gli ostaggi dell’hotel”.
Secondo il sacerdote, l’obiettivo dei terroristi non è tanto quello di destabilizzare il Paese quanto di “prendere di mira gli stranieri per bloccare la cooperazione tra i Paesi africani, come il Burkina e il Mali, e l’Europa e le istituzioni internazionali”. (L.M.) (Agenzia Fides 18/1/2016)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network