AFRICA/NIGERIA - Boko Haram attacca Maiduguri; a Fides la testimonianza del Vescovo

martedì, 29 dicembre 2015 terrorismo   gruppi armati  

Mons.Oliver Dashe Doeme Vescovo di Maiduguri

Abuja (Agenzia Fides) – “I terroristi di Boko Haram sono entrati nel pomeriggio del 27 dicembre in diverse aree di Maiduguri, introducendosi in alcune case e uccidendo gli abitanti, mentre in altre zone hanno inviato donne e bambine kamikaze a farsi esplodere in mezzo alla gente” racconta all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Oliver Dashe Doeme Vescovo di Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, nel nord della Nigeria. “Un numero consistente di persone sono state uccise, ma non conosciamo ancora il numero esatto”.
Secondo fonti di agenzia, i morti nel corso dei diversi attacchi simultanei avvenuti a Maiduguri e nella cittadina di Madagali sono almeno 80. Tra i luoghi colpiti c’è pure un moschea. “Anche un esponente della locale comunità islamica è stato ucciso a casa sua” dice Mons. Doeme, che sottolinea: “Boko Haram è una setta che non fa una grande distinzione tra musulmani e non musulmani. La maggior parte della popolazione vuole vivere in pace. Boko Haram uccide chi non aderisce alla sua ideologica che vieta in particolare l’educazione ‘all’occidentale’. I musulmani che non supportano la loro ideologia diventano nemici di Boko Haram”.
“Ormai Boko Haram fa parte del fenomeno mondiale del terrorismo internazionale, come dimostrano gli attacchi simultanei perpetrati qui a Maiduguri che sembrano ricalcare alcune modalità degli attacchi terroristici di Parigi o di altre parti del mondo” conclude il Vescovo. (L.M.) (Agenzia Fides 29/12/2015)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network