http://www.fides.org

News

2014-06-05

AFRICA/ZIMBABWE - “Aiutiamo la popolazione ad aiutarsi a vicenda” dice il Presidente della Conferenza Episcopale

Roma (Agenzia Fides)- “La Chiesa sta vicino alla gente soprattutto aiutandola ad aiutarsi a vicenda, creando reti di solidarietà dal basso. La nostra azione è indirizzata soprattutto alla famiglia. Facciamo in modo che si creino gruppi di famiglie che si aiutino vicendevolmente, sia dal punto di vista spirituale che materiale” dice all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Michael Dixon Bhasera, Vescovo di Masvingo e Presidente della Conferenza Episcopale dello Zimbabwe (Zimbabwe’s Catholic Bishop’s Conference), che si trova a Roma per la visita ad limina.
Ricevendo i Vescovi del Paese africano, Papa Francesco ha ricordato che “la Chiesa nel vostro Paese è stata accanto alla sua gente sia prima sia dopo l’indipendenza, anche in questi anni di immensa sofferenza in cui milioni di persone hanno lasciato il paese per la frustrazione e la disperazione, in cui molte vite sono andate perse, in cui tante lacrime sono state versate”.
Lo Zimbabwe infatti da anni sta attraversando gravi difficoltà politiche, economiche e sociali. Una situazione sulla quale i Vescovi del Paese e di quelli limitrofi si sono soffermati più volte (vedi Fides 9/12/2013 e 12/4/2012). Papa Francesco ha citato in particolare la Lettera pastorale del 2007, “Dio ascolta il grido degli oppressi”, nella quale, afferma il Santo Padre, “avete mostrato come la crisi sia spirituale e insieme morale, estendendosi dai tempi coloniali al presente, e come le ‘strutture di peccato’ inserite nell’ordine sociale siano in ultima analisi radicate nel peccato personale, esigendo da tutti una profonda conversione personale e un senso morale rinnovato illuminato dal Vangelo”.
“Viviamo in tempi difficili- conclude Mons. Masvingo parlando a Fides - ma la speranza non ci ha mai abbandonato. Del resto, come ci ha ricordato il Santo Padre, la preghiera è la nostra forza perché Dio ascolta le suppliche del suo popolo”. (L.M.) (Agenzia Fides 5/6/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network