http://www.fides.org

News

2014-05-16

ASIA/INDIA - I Vescovi: fiducia nel nuovo governo e nel pluralismo secolare dell’India

New Delhi (Agenzia Fides) – I risultati ufficiali delle elezioni indiane, che vedono la netta vittoria dei partito nazionalista “Bharatiya Janata Party” (BJP), non preoccupano la Chiesa indiana che si mostra fiduciosa nel futuro. Dopo una tornata elettorale che ha visto 814 milioni di elettori e un’altissima affluenza alle urne (66,3%), il BJP e la sua coalizione, guidata dal 63enne leader Narendra Modi, conteranno, per la prima volta in 30 anni, su una maggioranza parlamentare assoluta, avendo ampiamente superato la soglia di 272 seggi, e ottenendo oltre 300 seggi complessivi, sui 543 della Camera bassa, mentre si attende la comunicazione definitiva sull’assegnazione degli ultimi seggi. Altrettanto netta è la sconfitta del Partito del Congresso, al governo nell’ultimo decennio, travolto da scandali di corruzione e incapace di dare nuovo impulso all’economia.
Sua Ecc. Mons. Albert D'Souza, Arcivescovo di Agra, nello stato di Uttar Pradesh, e Segretario Generale della Conferenza Episcopale Indiana, esprime in un colloquio con l’Agenzia Fides la visione dell’Episcopato: “Siamo felici che le elezioni siano state una grande prova di democrazia per la nazione. Ne è uscito un governo forte, che potrà condurre l’India in una nuova fase di sviluppo economico e di progresso, osservando e garantendo i valori democratici e costituzionali. E’ vero che a volte piccoli gruppi di fanatici possono darci preoccupazione, ma la Chiesa continuerà nella sua missione: preghiamo per il nuovo esecutivo e contribuiremo al bene comune della nazione, sostenendo la democrazia, il rispetto del pluralismo, i diritti di tutti e una visone laica nell’agenda politica”.
Interpellato da Fides, Sua Ecc. Mons. Anthony Chirayath, Vescovo di Sagar, nello stato del Madhya Paradesh, da alcuni definito “laboratorio dell’estremismo indù”, conferma: “L’India è un paese con un patrimonio fatto di antiche culture, tradizioni, religioni che nessun governo potrà intaccare. I cristiani ne sono parte e lo sono con orgoglio. E’ vero che piccoli gruppi estremisti a volte usano violenza contro i cristiani: ma sono deviazioni che non modificano la realtà di una nazione che è democratica e tollerante e che ha alle spalle una lunga tradizione di armonia fra componenti diverse, etniche, culturali e religiose. Credo che la Chiesa cattolica non avrà nulla da temere dal nuovo governo. Ad esempio in Madhya Pradesh, dove governa il BJP, abbiamo buone relazioni con i leader politici locali, non c’è animosità, ma solo amicizia. Nella mia diocesi molti ragazzi indù frequentano le scuole cattoliche. Auspichiamo e siamo certi che il nuovo governo, superate le dispute della campagna elettorale, agirà per il bene della nazione”.
Mostra buoni auspici anche Sua Ecc. Mons. Stanley Roman, Vescovo di Quilon, nello stato del Kerala, culla del cristianesimo in India, dichiarando a Fides: “Le minoranze, come cristiani e musulmani, sono parte integrante della nazione e del tessuto della società indiana. Il pluralismo è costituivo della nazione. Le minoranze sono protette dalla Costituzione: credo che il nuovo governo non potrà e non vorrà andare contro la Costituzione. Come cristiani siamo fiduciosi”. (PA) (Agenzia Fides 16/5/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network