http://www.fides.org

News

2014-04-30

ASIA/INDIA - Intimidazioni e abusi sui cristiani in Orissa: case distrutte, fedeli cacciati

Bhubaneswar (Agenzia Fides) – I cristiani sopravvissuti alla violenza del 2008 non trovano pace e sono tutt’oggi vittime di abusi e intimidazioni: lo riferisce a Fides p. Ajay Kumar Singh, sacerdote cattolico dell’Orissa, attivista per i diritti umani e vincitore di un premio per il suo impegno tra le vittime dei pogrom avvenuti nel 2008 nel distretto di Kandhamal in Orissa. Secondo quanto racconta a Fides p. Singh, la polizia nei giorni scorsi ha arrestato e poi rilasciato tre persone accusate di aver distrutto la casa di una famiglia cristiana sopravvissuta ai massacri del 2008.
Praful Digal, cattolico del villaggio di Budruka, aveva ricostruito la sua casa grazie agli aiuti ricevuti dal governo come fondi per la ricostruzione. I gruppi radicali indù non l’hanno tollerato: hanno attaccato la nuova abitazione, radendola al suolo, come conferma p. Pradosh Kumar Nayak, Rettore del Seminario Minore di St. Paul a Balliguda nei pressi del villaggio di Budruka.
Nei giorni scorsi, dopo la denuncia presentata dalla famiglia, la polizia ha arrestato Sudershan Mallick, Pabitra Mallick e Mallick Nageswar, ma i tre sono stati inspiegabilmente rilasciati.
Come rileva p. Nayak, è la terza casa che la famiglia Digal aveva costruito negli ultimi sei anni, ma i radicali indù le hanno demolite tutte. “L’ultima demolizione dimostra che tali gruppi sono forti e determinati a tenere i cristiani fuori del paese”, nota p. Nayak, aggiungendo: “I cristiani continuano a condurre un'esistenza terribile nel distretto di Kandhamal”, dove abusi e discriminazioni non cessano.
La famiglia di Digal era tra le 834 che ebbero le case distrutte nel primo ciclo di violenze anticristiane avvenuto a Kandhamal nel dicembre 2007. La famiglia riprese coraggio, tornò al villaggio e ricostruì la casa, nuovamente distrutta nella violenza dell’agosto 2008. Dopo anni di esilio, negli ultimi mesi, ricevuto un risarcimento dal governo, i Digal avevano deciso di ritornare nel villaggio di origine e riprendere una vita normale. Mail nuovo attacco ha frantumato le loro speranze. . Ajay Kumar Singh commenta laconico a Fides: “Lo stato ha fallito nel proteggere e garantire i diritti elementari ai cittadini cristiani in Orissa”. (PA) (Agenzia Fides 30/4/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network