http://www.fides.org

News

2014-01-23

AMERICA/BRASILE - Le carceri non rieducano e sono in crisi: intervento dell’Arcivescovo di Rio

Rio de Janeiro (Agenzia Fides) – L'Arcivescovo di Rio de Janeiro, Sua Ecc. Mons. Orani João Tempesta, recentemente nominato Cardinale da Papa Francesco, ha messo in discussione il sistema carcerario brasiliano, evidenziando che le prigioni del paese “non rieducano” i reclusi. Secondo la nota pervenuta all’Agenzia Fides, l'Arcivescovo ha incontrato la Presidente del Brasile, Dilma Rousseff, nel palazzo presidenziale, a Brasilia, il 21 gennaio, e in questa circostanza ha manifestato la sua preoccupazione per le carceri del Brasile, che sono in una situazione di crisi tremenda. “Per quanto si possa dire che ci sono nuove carceri, non si riesce ancora ad ottenere che la gente che vi risiede sia ri-educata, che acquisisca un modo corretto di vivere e possa tornare nella società” ha detto l’Arcivescovo.
Le sue parole sono state ampiamente riprese dalla stampa in quanto la situazione delle carceri brasiliane ha attirato l'attenzione delle organizzazioni internazionali dopo le violenze dello scorso anno avvenute nelle prigioni dello stato di Maranhao, dove 62 persone sono morte nel corso del 2013. Nel 2014 il centro penitenziale di Pedrinhas, uno dei più violenti del paese, sempre nello stato di Maranhao, ha già registrato tre morti, l'ultimo il 21 gennaio. La realtà di Pedrinhas riflette la situazione del sistema carcerario brasiliano. Secondo un recente studio ufficiale, pubblicato dalla stampa locale, le carceri del Brasile possono accogliere 306.497 detenuti, ma alla fine del 2011 i detenuti erano 514.582. Il ministro della giustizia ha annunciato la costruzione di nuovi locali per le carceri, con l’obiettivo di raggiungere 62.000 nuovi posti prima della fine del 2014, anche se questi non copriranno l'attuale deficit di 208.000 posti. (CE) (Agenzia Fides, 23/01/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network