http://www.fides.org

News

2014-01-21

ASIA/SIRIA - Campagna di preghiera per sostenere la Conferenza di pace e riconciliazione di Ginevra 2

Damasco (Agenzia Fides) – I leader delle Chiese cristiane in Siria hanno lanciato una rinnovata campagna di preghiera per sostenere gli sforzi di pace in vista della Conferenza di Ginevra 2 , auspicando la fine della guerra e passi concreti verso la riconciliazione nazionale.
In un messaggio inviato a Fides, Gregorio III Laham , Patriarca melkita di Damasco, invita i cristiani siriani a raccogliersi in preghiera per il successo della Conferenza, esortando nel contempo tutti cristiani del mondo a unirsi a questa intenzione: “Preghiamo per una vera riconciliazione a Ginevra II”, afferma nel messaggio giunto a Fides, notando che “la chiave per il successo di Ginevra II è una riconciliazione nazionale basata sulla fede, sui fondamentali diritti umani, sullo specifico volto e sui valori peculiari del popolo siriano”.
Dalla Conferenza di Ginevra 2 ci si attende l’istituzione di un “governo di transizione” che potrebbe includere rappresentanti del governo in carica e rappresentanti dei gruppi di opposizione. Fra le numerose difficoltà che affronta la Conferenza di Ginevra 2, vi è quella di sapere e decidere chi rappresenta veramente la popolazione siriana e quali paesi dovrebbero essere invitati a partecipare.
Come rileva un nota inviata a Fides dall’organizzazione “Middle East Concern” (MEC), con sedi in tutto il Medio Oriente, “la violenza continua a imperversare in molte parti della Siria, causando morte, lesioni e traumi, insieme a severe restrizioni per l’accesso al cibo e alle cure mediche. La crisi umanitaria è oggi un problema almeno quanto la violenza del conflitto, mentre sono documentate atrocità commesse dai diversi attori sul campo”. MEC ricorda la piaga dei sequestri e specifici casi di persecuzione, cioè di “violenza religiosamente motivata sui cristiani”. La Ong invita tutti i fedeli del mondo a unirsi ai cristiani siriani nella preghiera perché la Conferenza ponga fine alla crisi in Siria e affinchè i delegati abbiano come priorità i bisogni e il bene del popolo siriano. L’auspicio espresso, inoltre, è che siano prese in considerazione le urgenze dei milioni di siriani sfollati all’interno della nazione o nei paesi confinanti. (PA) (Agenzia Fides 21/1/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network