http://www.fides.org

News

2014-01-16

ASIA/THAILANDIA - Proteste a Bangkok: negare il voto è “potenzialmente catastrofico”, urge un dialogo nazionale

Bangkok (Agenzia Fides) – Negare la possibilità di votare, il 2 febbraio prossimo, data fissata per le nuove elezioni, è un prospettiva “potenzialmente catastrofica” e potrebbe innescare una violenza generalizzata. Per questo è urgente che la leadership tailandese avvii un “dialogo nazionale” il più possibile inclusivo, per restituire stabilità al paese. E’ quanto afferma l’ultimo rapporto dell’Internationl Crisis Group (ICG), prestigioso think-tank con sedi in numerosi paesi del mondo. Secondo il rapporto, inviato all’Agenzia Fides, se la campagna anti-governativa fa deragliare la prospettiva delle elezioni, il rischio è che si verifichi un “colpo di stato militare”.
Il documento nota che le proteste si stanno propagando in ampie aree del paese. Il Partito Democratico, guidato dal segretario generale Suthep Thaugsuban, ha deciso di boicottare le elezioni e sembra determinato a spodestare il governo di Yingluck Shinawatra, sorella dell’ex Primo Ministro Thaksin, in esilio. Si vuole dare vita a un “Consiglio del Popolo” di 100 rappresentanti che, per un periodo di diciotto mesi, possa attuare riforme strutturali come: decentramento, governatori eletti dal popolo, legge anti-corruzione , riforma della polizia.
Dal 2005, tensioni politiche hanno animato un conflitto sociale in Thailandia, centrato spesso sulla figura del magnate Thaksin Shinawatra, che ha governato negli anni scorsi, poi esiliato. Nel 2011 la vittoria elettorale di sua sorella Yingluck ha mostrato che parte del paese era ancora con lui. A novembre 2013, i parlamentari del Partito Democratico si sono dimessi in massa e, il 9 dicembre, Yingluck ha sciolto il Parlamento, fissando le elezioni per febbraio.
Ma il Partito Democratico oggi ha deliberato di boicottare le elezioni e di sostenere la protesta. I manifestanti hanno impedito la registrazione dei candidati in 28 circoscrizioni nel Sud del paese.
La nazione, afferma il rapporto ICG, appare del tutto “polarizzata”. L’ICG invita il Partito Democratico “a perseguire il cambiamento politico non violento e nel rispetto dei diritti”, “a impegnarsi per il processo democratico, appoggiando un tavolo di dialogo” in cui presentare questioni come il decentramento e la riforma delle istituzioni, che vanno discusse a livello nazionale. (PA) (Agenzia Fides 16/1/2014)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network