http://www.fides.org

News

2014-01-14

AFRICA/MOZAMBICO - Gli scontri tra esercito e RENAMO provocano gravi conseguenze sui civili

Maputo (Agenzia Fides)-Gli scontri tra le forze di sicurezza e i guerriglieri della RENAMO (Resistenza Nazionale Mozambicana), hanno costretto alla fuga più di 4000 persone nella provincia di Sofala, nel centro-sud del Mozambico.
In questa provincia, nella foresta di Gorongosa, a Satunjira, era collocato il quartiere generale della RENAMO, conquistato dall’esercito il 21 ottobre. L’area circostante è stata evacuata dalla popolazione che si è riversata nella città di Gorongosa.
Altri combattimenti sono stati segnalati nel sud del Mozambico (vedi Fides 10/1/2014), facendo temere un ulteriore inasprimento del confronto tra la RENAMO e il governo guidato dal FRELIMO (Fronte di Liberazione del Mozambico). I due movimenti si sono combattuti in una guerra che ha devastato il Paese dal 1975 (anno dell’indipendenza) al 1992, quando a Roma le due parti hanno firmato gli accordi di pace, che hanno permesso alla RENAMO di diventare un partito politico.
Il 13 gennaio il governo ha annunciato che la RENAMO non si è presentato ad una sessione negoziale prevista per quel giorno. Le due parti non sono riuscite ancora a trovare un’intesa su come proseguire la trattativa. La RENAMO in particolare ha chiesto che tra i mediatori vi siano personalità stranieri (tra le quali il Vescovo ausiliare di Roma Mons. Matteo Zuppi) e che alla trattativa partecipino osservatori provenienti da USA, Cina, Portogallo, Capo Verde, Kenya e Botswana. Una richiesta finora respinta dal governo
Ad aggravare le condizioni di sicurezza c’è anche la piaga dei rapimenti di stranieri e di mozambicani benestanti. L’ultimo è un imprenditore di origine indiana rapito il 10 gennaio nel centro di Maputo.
Gli importanti giacimenti di gas (e di carbone) del Mozambico stanno suscitando l’interesse di diversi Paesi, come il Giappone, il cui Premier, Shinzo Abe, è stato accolto a Maputo, il 12 gennaio. (L.M.) (Agenzia Fides 14/1/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network