http://www.fides.org

News

2013-11-26

AFRICA/LIBIA - “Pur nell’incertezza dell’oggi sono fiducioso che possa scoppiare la pace” dice Mons. Martinelli

Tripoli (Agenzia Fides)- “Le pressioni popolari per la pacificazione sociale sono certamente un fatto positivo ed ho fiducia che da un momento in Libia all’altro possa scoppiare la pace” dice all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, Vicario Apostolico di Tripoli, in Libia.
Sia a Tripoli sia a Bengasi (capoluogo della Cirenaica) si accentua la pressione popolare perché le diverse milizie che controllano le due città depongano le armi e permettano alle forze di sicurezza di esercitare la loro autorità. Il 15 novembre una marcia di protesta nei pressi della sede tripolina della milizia di Misurata era stato interrotta da una sparatoria che aveva provocato 46 morti e più di 500 feriti. In segno di protesta gli abitanti della città sono scesi in piazza a dimostrare la loro insofferenza per la presenza dei gruppi armati irregolari. Anche a Bengasi dopo gli scontri di ieri tra una milizia islamista e l’esercito che hanno causato 9 morti e 51 feriti, le autorità cittadine hanno proclamato tre giorni di disobbedienza civile.
“A Tripoli si vive in tensione ma la zona più calda al momento è Bengasi dove sono rimasti il Vicario Apostolico, Mons. Magro, con alcuni collaboratori” dice Mons. Martinelli. “Si tratta di una presenza limitata ma che ci permette di continuare dignitosamente il nostro impegno per la piccola comunità cattolica ridotta, dopo la partenza degli ordini religiosi femminili, alle poche infermiere filippine che continuano a prestare il loro prezioso servizi negli ospedali”.
“Viviamo momenti dolorosi e difficili. La Libia è un po’ un enigma, non sempre si riesce a capire bene come stanno le cose ma ho fiducia che i libici riusciranno a ritrovare la pace” conclude Mons. Martinelli. (L.M.) (Agenzia Fides 26/11/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network