http://www.fides.org

Africa

2003-06-11

AFRICA/R.D. CONGO - “LA GUERRA STA SEMINANDO TERRORE, MORTE E DISTRUZIONE. IL MONDO NON PUÒ RESTARE A GUARDARE” DRAMMATICO MESSAGGIO DEL VESCOVO DI BUTEMBO-BENI, NELL’EST DEL CONGO

Butembo (Agenzia Fides) - Un drammatico messaggio è giunto all’Agenzia Fides da mons. Melchisédech Sikuli Paluku, Vescovo di Butembo-Beni, nell’est della Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove si stanno dirigendo le forze della Rassemblement Congolais pour la Démocratie (RCD-Goma). I combattimenti rischiano di coinvolgere i circa 200mila profughi da tempo rifugiati nella zona (vedi Fides 10 giugno 2003).
Nel suo messaggio Mons. Sikuli Paluku afferma che “le celebrazioni della Domenica di Pentecoste nelle parrocchie della Diocesi di Butembo-Beni sono state disturbate o annullate per gli attacchi condotti dal RCD/Goma. Domenica 8 giugno i fedeli a sud della Diocesi di Butembo-Beni non hanno potuto celebrare normalmente o non hanno celebrato affatto la Pentecoste a causa degli attacchi scoppiati alle 5 del mattino.”
Il Vescovo di Butembo afferma che “nel corso dei mesi di aprile e maggio, fonti ben informate hanno segnalato un’intensa preparazione per un attacco generalizzato contro i territori amministrativi di Lubero e Beni che coprono una buona parte della Diocesi di Butembo-Beni, ovvero 25.582 km2 su 45.000 complessivi”.
Mons. Sikuli Paluku constata che “questi attacchi di cui ignoriamo ancora il numero delle vittime hanno seminato tanto panico nei popolosi villaggi e città della contrada. Di ora in ora la paura e l’inquietudine si diffondano tra la popolazione, perché in questa operazione militare di grande portata sono impegnati almeno tre battaglioni del RCD/Goma che hanno come obiettivo la presa, nelle prossime ore, di Lubero, poi di Butembo e di Beni”.
“Di fronte a questa minaccia di occupazione ingiustificata” prosegue mons. Sikuli Paluku “lancio in quanto Vescovo di Butembo Beni, a nome dei suoi abitanti e delle 203.766 persone che vi hanno trovato rifugio a seguito della guerra tribale di Bunia, un grido di sgomento a tutti quelli che possono fare ancora qualche cosa per fermare l’avanzata mortale e destabilizzatrice delle truppe del RCD/Goma”.
All’appello di mons. Sikuli Paluku si è ora unita la voce degli abitanti di Butembo. Fonti locali contattate dall’Agenzia Fides riferiscono infatti che gli abitanti della città sono scesi in strada a marciare per la pace, chiedendo di non essere abbandonati al loro destino.
(L.M.) (Agenzia Fides 11/6/2003 righe 35 parole 394)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network