OCEANIA/AUSTRALIA - Domenica 16 gennaio Giornata di preghiera per le vittime dello tsunami in tutta la nazione

venerdì, 14 gennaio 2005

Sydney (Agenzia Fides) - L’Australia si fermerà in silenzio per un minuto e celebrerà domenica 19 gennaio con veglie di preghiera in tutta la nazione la Giornata di riflessione e preghiera per le vittime dello tsunami che si è abbattuto su Sudest asiatico.
Tutta la popolazione a mezzogiorno vivrà un minuto di raccoglimento e silenzio in segno di cordoglio, per commemorare le vittime, proprio nel momento in cui il 26 dicembre il terremoto ha iniziato la sua furia distruttiva.
La giornata sarà celebrata a livello istituzionale con cerimonie presenziate dalle autorità politiche e civili dello stato, ma sarà vissuta anche nelle diverse comunità religiose.
Già nei giorni immediatamente successivi alla tragedia la Conferenza Episcopale dell’Australia aveva assicurato il sostegno e la solidarietà della comunità cattolica, mentre la Caritas Australia ha lanciato una raccolta di fondi e promosso nelle aree colpite progetti per 4 milioni di dollari.
La comunità cattolica parteciperà pienamente alle celebrazioni: le diverse diocesi si sono attivate nell’organizzare momenti di riflessione e preghiera. Nell’Arcidiocesi di Sydney si celebrerà una Santa Messa nella cattedrale di St. Mary. Il Card. George Pell ha detto in un messaggio che annuncia la Giornata: “Ancora una volta siamo uniti in preghiera per quanti hanno perso i loro cari, per quanti continuano disperatamente a cercare le proprie famiglie ed amici, e per coloro che stanno ricostruendo le loro case e le loro vite” (vedi anche Fides del 13/1/2005).
A Brisbane il Centro multiculturale per la cura pastorale celebrerà una Santa Messa con la comunità degli immigrati indonesiani, mentre le chiese cristiane del Queensland hanno organizzato una celebrazione ecumenica presso la Chiesa anglicana di San Giovanni. A Melbourne una Solenne Eucarestia ricorderà le vittime e avrà preghiere speciali per i profughi.
(PA) (Agenzia Fides 14/1/2005 righe 28 parole 298)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network