http://www.fides.org

News

2013-04-29

ASIA/COREA DEL SUD - Il complesso industriale di Kaesong chiude ma “la cooperazione Nord-Sud non è del tutto interrotta”, nota la Chiesa

Seul (Agenzia Fides) – La Corea del Sud ha iniziato a far rientrare in patria lavoratori e operai impegnati nel complesso industriale di Kaesong, una zona di produzione economica al confine fra le Coree, frutto della cooperazione fra i governi di Nord e Sud Corea. Secondo gli osservatori è un segnale negativo, che potrebbe portare alla chiusura definitiva del complesso di Kaesong, ultimo punto di contatto tra le due Coree. La produzione nella zona industriale congiunta, fondata nel 2004 e situata 10 chilometri all'interno del territorio nordocoreano, è sospesa dall'inizio di aprile e la Nord Corea ha già ritirato i suoi lavoratori.
Fr. Matthias Hur Young-yup, Direttore per le Comuncaizioni sociali nell’Arcidiocesi di Seul, commenta all’Agenzia Fides: “Noi speriamo che Kaesong resti sempre una finestra di dialogo aperta, anche se potrebbe esserci una temporanea chiusura. Va detto che la cooperazione con il Nord va avanti in forme meno ufficiali e quasi nascoste all’opinione pubblica. Basti pensare che, in questo clima di tensione, il governo di Pyongyang ha autorizzato un viaggio umanitario di p. Gerard Hammond, esponente della Caritas Korea (vedi Fides 12/4/2013). Le vie di dialogo non sono chiuse, la speranza resta viva. E, se guardo la cittadinanza sudcoreana, non vedo particolari allarmi o paure. Come popolo della Sud Corea e come Chiesa ribadiamo un profondo desiderio di pace”.
La tensione nella penisola coreana è cresciuta in seguito alle minacce di una guerra nucleare, pronunciate da Pyongyang, e ha portato a una serie di sforzi diplomatici che cercano di risolvere la crisi. Le due Coree restano tecnicamente in guerra dopo la guerra di Corea (1950-1953) conclusasi con un armistizio, piuttosto che con un trattato di pace. (PA) (Agenzia Fides 29/4/2013)

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network