http://www.fides.org

News

2013-04-11

AFRICA/EGITTO - Il segretario di Papa Tawadros II: cinque linee guida per farla finita coi conflitti confessionali

Il Cairo (Agenzia Fides) - “Siamo stanchi di palliativi. C'è bisogno di misure concrete”. Così padre Makari Habibi, segretario personale del Patriarca copto ortodosso Tawadros II, ha dato ragione delle disposizioni richieste al governo islamista del Presidente Morsi per valutare la sua reale volontà di arginare i conflitti confessionali che negli ultimi giorni hanno provocato otto morti e l'assalto senza precedenti alla cattedrale copta del Cairo. “Chiediamo al Presidente” ha dichiarato padre Habibi alla agenzia statale turca Anadolu “che la legge si applichi a tutti, che si garantisca la sicurezza in tutto il Paese, che si realizzi in maniera integrale il principio di cittadinanza, che si modifichi il discorso religioso e che si insegni la storia copta nelle scuole”. Secondo il segretario di papa Tawadros “l'assenza di legislazione ha fatto sì che i copti siano trattati come cittadini di seconda classe”.
L'emergenza di oggi è il punto di arrivo di conflitti confessionali che hanno segnato già tutta l'era del regime di Mubarak. Secondo padre Habib, vanno perseguiti tutti coloro che incitano all'odio settario. E occorre garantire alla consistente minoranza copta una adeguata rappresentanza nelle istituzioni civili e politiche del Paese. “I copti costituiscono il 20 per cento della comunità egiziana. Questo significa che abbiamo diritto a 100 dei 500 seggi del Parlamento e alla stessa percentuale nei ministeri, tra i governatori e tra i membri dell'esercito e della polizia” ha chiarito il sacerdote copto.
In Egitto i turni elettorali per rinnovare la composizione del Parlamento inizieranno il prossimo 22 aprile e termineranno a giugno. A dicembre i senatori cristiani presenti nella Shura (la camera alta del Parlamento) erano 13 su 270. Nei mesi scorsi all'interno della Chiesa copta si erano levate voci contrarie all'ipotesi di riservare ai critiani copti delle “quote” nelle liste che entreranno in competizione alle prossime elezioni. ( GV) (Agenzia Fides 11/4/2013).

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network