ASIA/CINA - Amore per il prossimo, evangelizzazione e vita di fede hanno contraddistinto le celebrazioni natalizie della comunità cattolica continentale

mercoledì, 2 gennaio 2013

Shi Jia Zhuang (Agenzia Fides) – Le solenni celebrazioni natalizie della comunità cattolica cinese continentale sono state contraddistinte da tre temi: l’amore per il prossimo, l’evangelizzazione e la vita di fede. Secondo le informazioni fornite da Faith dell’He Bei all’Agenzia Fides, “Io e te insieme” è stato il tema dell’Ottava Serata caritativa natalizia promossa da Jinde Charity, che ha visto 400 partecipanti, tra volontari e benefattori che da anni contribuiscono all’attività del più grande ente caritativo cattolico continentale. La raccolta delle donazioni di questo anno, pari ad oltre 321 mila Yuan (equivalenti a circa 50 mila euro), sarà destinata alle ragazze delle famiglie disagiate e ai bambini orfani disabili. Durante la serata, benefattori e beneficiati sono stati insieme, per dimostrare così l’amore gratuito secondo quanto insegna la fede cristiana. Tantissimi giornali on line e cartacei, come l’ente televisivo pubblico, hanno riportato la notizia sulla serata. Inoltre Jinde Charity ha organizzato anche un’altra serata natalizia per i malati e i contagiati dall’Aids.
Alcuni Vescovi hanno approfittato del periodo natalizio per visitare le loro comunità. Tra questi Mons. Chen Gong Ao, Vescovo della diocesi di Nan Chong, ha compiuto la visita pastorale ed ha esortato i fedeli a vivere bene l’Anno della Fede indetto da Papa Benedetto XVI, a dedicarsi all’evangelizzazione e alla costruzione della migliore immagine possibile della Chiesa cattolica.
La diocesi di Da Zhou, nella provincia del Si Chuan, ha accolto numerosi non cristiani durante le celebrazioni natalizie, aprendo così una “finestra missionaria” e cogliendo l’occasione del Natale per presentare il messaggio cristiano a quanti non lo conoscono.
Fedeli cinesi, americani, inglesi, filippini, coreani e tedeschi della parrocchia di S. Pietro di Shang Hai, hanno festeggiato insieme l’arrivo del Bambino Gesù. Invece nella zona sud della provincia del Si Chuan, dove sono concentrati i fedeli appartenenti alle minoranze etniche, il Natale è stato celebrato con danze e canti tipici locali, dimostrando così una fede vissuta con gioia e amore per la vita. (NZ) (Agenzia Fides 2013/01/02)


Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network