http://www.fides.org

Asia

2012-12-18

ASIA/TURCHIA - Il portavoce dei Vescovi cattolici smentisce la stampa turca su “Archivi vaticani e Questione armena”

Istanbul (Agenzia Fides) - Il portavoce della Conferenza dei Vescovi cattolici della Turchia, Rinaldo Marmara, smentisce con nettezza le dichiarazioni a lui attribuite dai media turchi in merito all'esistenza di documenti storici, contenuti negli Archivi vaticani, i quali proverebbero che all'origine del genocidio degli armeni del 1915 ci sarebbero “problemi” interni alla stessa comunità armena.
Nei giorni scorsi sulla stampa turca era apparsa la notizia che l'Università di Bahcesehir aprirà un dipartimento di ricerca sui documenti storici custoditi negli Archivi vaticani. In particolare, sul quotidiano Vatan dell'11 dicembre erano riportate alcune dichiarazioni del dottor Marmara, indicato come il «responsabile» del progetto di ricerca universitario. Tra le altre cose, al portavoce dei Vescovi cattolici in Turchia venivano attribuite indiscrezioni secondo cui tra il milione di documenti e corrispondenze segrete relative all'Impero ottomano e alla Turchia conservati nell'Archivio Segreto Vaticano, ci sarebbero anche quelli riguardanti “gli avvenimenti del 1915 vissuti dagli armeni”, i quali mostrerebbero che tale questione “è iniziata per dei problemi armeni”. Secondo quanto riportato da Vatan, Marmara avrebbe anche rivelato la presenza negli Archivi vaticani di “alcuni documenti sugli incidenti dell'Egeo, che proverebbero la responsabilità dei greci e l'innocenza dei turchi”.
Le frasi attribuite a Marmara hanno suscitato forti reazioni in seno alle comunità cristiane locali, a partire da quella armena. Anche per questo, in un comunicato fatto pervenire all'Agenzia Fides, il dottor Marmara ha deciso di denunciare il grave caso di contraffazione propagandistica di cui è stato vittima.
Nel comunicato inviato a Fides, il portavoce della Conferenza Episcopale turca parla di “frasi estrapolate scientemente dai giornalisti per cercare la provocazione”. Sottolinea che “una questione talmente delicata e sensibile come la Questione armena deve essere affrontata solo a partire dai documenti degli archivi” e ripropone la versione corretta delle proprie considerazioni manipolate dalla stampa turca: “Gli Archivi segreti del Vaticano” chiarisce Marmara nel comunicato, “contengono centinaia di migliaia di documenti riguardanti la storia della Turchia. Ce ne sono di certo anche sulla Questione armena – alcuni libri sono stati già pubblicati in Europa su questa questione a partire da tali Archivi – ma questi documenti non sono ancora del tutto classificati. Questi Archivi sono accessibili a tutti i ricercatori e io non sono responsabile delle ricerche che vi si conducono. Io sottolineo solo la rilevanza di questi Archivi. La digitalizzazione degli Archivi è già iniziata e una parte di essi è già consultabile online”.
Marmara ci tiene a ribadire che la Questione armena non rappresenta il terreno specifico delle sue ricerche storiche. “Il mio campo di ricerca riguarda solo la Chiesa cattolica latina e la sua comunità. VI prego di non giudicarmi con faciloneria. Io sono responsabile solo dei miei scritti e non delle frasi estrapolate che mi vengono attribuite”.
Rinaldo Marmara, 63 anni, è nato a Istanbul e attualmente ricopre anche la carica di Presidente della Caritas Turchia. È autore di numerosi saggi sulla storia della comunità cattolica latina di Istanbul. (GV) (Agenzia Fides 18/12/2012).

Condividi: Facebook Twitter Google Blogger Altri Social Network